Tribunale di Reggio senza personale, è sciopero

Venerdì mattina presidio davanti al palazzo di giustizia. I sindacati: "Dopo Aemilia funzionari oberati e no turn over"

REGGIO EMILIA – I lavoratori dell’amministrazione giudiziaria di Reggio Emilia aderiscono allo sciopero nazionale del comparto indetto per venerdi’ da Cgil, Cisl e Uil e saranno presenti con un presidio davanti al Tribunale (dalle 10 alle 12.30) distribuendo volantini esplicativi dell’iniziativa. Alla base della protesta ci sono in primo luogo le mancate assunzioni, ben al di sotto del fabbisogno, e poi il mancato rispetto da parte del Governo degli accordi del 2017, relativi ai salari e alla riqualificazione del personale dei Tribunali e delle Procure.

Una situazione, quella della mancanza di organico, avvertita in modo pesante a Reggio Emilia, sede del maxi processo alla ‘ndrangheta Aemilia. “Il clima lavorativo si e’ notevolmente appesantito e i carichi di lavoro sono aumentati a dismisura causando spesso ritardi nel garantire il regolare svolgimento delle attivita’”, denunciano Cgil, Cisl e Uil.

“La situazione- aggiungono- e’ critica e non vi e’ copertura del turnover: si prevedono pensionamenti, anche per effetto della quota 100, e risulta assai improbabile che vi saranno altrettante assunzioni”. Infatti “sempre piu’ frequentemente si utilizzano volontari per sopperire alle croniche carenze di personale”, fanno notare i sindacati.