Rapina farmacia e poi va al suo processo a Bologna: arrestato

Il tunisino 38enne ieri mattina ha fatto un colpo in un esercizio a Cella e poi è andato in Corte d'appello dove aveva un processo a suo carico per il medesimo reato. Ora è in carcere

REGGIO EMILIA – Prima di andare al processo per una rapina in abitazione ha pensato bene di rapinare una farmacia a Reggio. Un 38enne tunisino, residente a Padova e domiciliato nel casertano, ieri mattina, verso le nove, è entrato nella Farmacia comunale Villa Cella e, sotto la minaccia di una pistola, si è fatto consegnare i 600 euro di incasso. Poi è fuggito a bordo di una Mini Cooper Country.

I carabinieri, arrivati sul posto, hanno visionato il video estrapolato dalle telecamere di video sorveglianza della farmacia e hanno riconosciuto l’autore. Inoltre, grazie a una testimonianza, sono riusciti a risalire alla targa dell’auto utilizzata per la fuga.

Hanno così scoperto che il tunisino, nel novembre 2018, era stato sottoposto alla misura cautelare personale dell’obbligo di dimora nel Comune di Castel Volturno (CE), con obbligo di presentazione quotidiano alla polizia giudiziaria e che era stato autorizzato a comparire ieri mattina a Bologna, di fronte allla Corte d’Appello, per un processo a suo carico (per un’altra rapina commessa a Reggio Emilia). I militari sono quindi andati alla Corte d’Appello di Bologna dove si era appena conclusa l’udienza.

Quando i carabinieri, con vettura civetta ed in abiti civili, hanno visto uscire dalla sede del Tribunale il 38enne tunisino lo hanno seguito per un breve tragitto fino a quando ha aperto la Mini Country che i militari sapevano che aveva utilizzato per la fuga dopo la rapina. Lì è stato bloccato e arrestato. Ora è in carcere.