Metalmeccanici, domani 1.400 reggiani scioperano a Firenze foto

La Fiom: "Nemmeno per le manifestazioni contro il Jobs Act si era raggiunta tale partecipazione per una manifestazione fuori provincia"

REGGIO EMILIA – Sono oltre 1.400 i metalmeccanici organizzati dalla Fiom-Cgil di Reggio Emilia in partenza domani dalla provincia per manifestare a Firenze.
“Nemmeno per le manifestazioni contro il Jobs Act si era raggiunta tale partecipazione per una manifestazione fuori provincia – commenta il segretario generale Simone Vecchi – questo e’ il chiaro segnale che i metalmeccanici reggiani non vogliono stare a guardare, ma pretendono che i problemi dei lavoratori tornino al centro dell’agenda politica del Paese”.

Ad affollare i 30 pullman prenotati (10 partiranno da Piazzale Europa domattina alle 6 e gli altri 20 dal resto del territorio) sono gli operai di tutte le principali fabbriche metalmeccaniche del territorio.

Oltre 363 quelle in cui sono svolte piu’ di 400 assemblee che hanno coinvolto circa 20.000 lavoratori. I metalmeccanici, spiega la Fiom, “scioperano per avere salari piu’ alti, per ridurre le tasse ai lavoratori dipendenti a medio e basso reddito, per superare la legge Fornero e per contrastare le ipotesi di legge di flat tax di cui si parla in questi giorni”. Inoltre, osserva il sindacato, “oggi si produce di piu’ e con meno persone di 10 anni fa ed e’ giusto che la produttivita’ venga redistribuita, o in forma di aumenti strutturali o di riduzioni di orario”.

La “Federmeccanica – chiudono le ‘tute blu’ – deve ascoltare questo messaggio che arriva da operai e impiegati delle proprie imprese in prospettiva del rinnovo del contratto nazionale”.