Mercatone Uno, domani i lavoratori vanno dal prefetto

La Filcams Cgil: "Chiederanno la cassa integrazione e lo sblocco del Tfr"

REGGIO EMILIA – “Prospettive per il futuro, sostegno al reddito e cassa integrazione”. Sono le richieste dei lavoratori del Mercatone Uno (Shernon Holding Srl) che i 44 lavoratori di Reggio Emilia, impiegati nel punto vendita di Rubiera, presenteranno domani al prefetto Maria Forte.

Insieme a loro la Filcams-Cgil di Reggio Emilia, che sara’ in presidio davanti la Prefettura (in corso Garibaldi 55) a Reggio Emilia dalle 10 alle 13.30. In particolare una delegazione del sindacato chiedera’ al prefetto di intercedere con i ministeri dello Sviluppo economico e del Lavoro “per sapere se e quando sara’ possibile avere un sostegno economico da cassa integrazione straordinaria, giacche’ ad oggi non vi sono tempi certi per i pagamenti delle spettanze dovute”.

Ma anche “per sollecitare l’Inps a dare risposte celeri e concrete rispetto allo sblocco delle quote di Tfr che da mesi devono essere riconosciute ai dipendenti”. Ad oggi, e dal 25 maggio scorso, i negozi sono chiusi e la crisi, per la Cgil reggiana, “sta assumendo i contorni di emergenza non solo occupazionale, ma anche sociale”.