Kohler-Lombardini, muore stroncato da un malore davanti ai colleghi

Pietro Tondelli, 52 anni, responsabile del laboratorio di verifica, lascia tre figli

REGGIO EMILIA – Un uomo di 52 anni, Pietro Tondelli, è morto stamattina, stroncato da un malore, nello stabilimento Kohler Lombardini di Reggio Emilia. I suoi colleghi lo hanno visto uscire dal laboratorio e cadere a terra. Hanno subito chiamato i soccorsi, ma quando i sanitari sono arrivati sul posto, oramai, per l’uomo non c’era più nulla da fare.

Padre di tre figli, Tondelli, che era responsabile del laboratorio di verifica, sarebbe stato stroncato da un infarto. Abitava in via Brigata a Reggio ed era stato sindacalista della Fim Cisl di cui era stato anche delegato negli anni Novanta.