Quantcast

Inchiesta su minori, da M5S donazione ad Hansel e Gretel

Il 24 maggio scorso i pentastellati del Piemonte consegnarono 195mila euro alla onlus e ad altre dieci associazioni. Il gruppo: "Ci riserviamo la facoltà di chiederlo indietro"

REGGIO EMILIA – Il Centro Studi Hansel e Gretel, la Onlus piemontese coinvolta nella vicenda nel caso degli affidi illeciti, scoppiata in questi giorni, ha ricevuto una donazione anche dal M5s nel maggio scorso. A rivelarlo il portale nextquotidiano.it. Che ricorda come nelle ultime ore la vicenda sia stata commentata dai grillini: “Un altro business, orribile, sui minori. Una galleria di atrocita’ assolute che grida vendetta a Reggio Emilia e per cui oggi – oltre a una ventina di indagati – e’ stato arrestato anche il sindaco di Bibbiano, Andrea Carletti del Pd”, le parole di Luigi Di Maio sul Blog delle Stelle, rilanciate da nextquotidiano.it.

Per il capo politico del M5s “quello che viene spacciato per un modello nazionale a cui ispirarsi sul tema della tutela dei minori abusati, il modello Emilia proposto dal Pd, si rivela oggi come un sistema da incubo: bambini selezionati e sottratti illegittimamente alle famiglie, per poi venire consegnati in una sorta di affido horror a personaggi discutibili, tra i quali titolari di sexy shop, pedofili, gente con problemi mentali”. E qui il portale ha ricordato che proprio la Onlus Hansel e Gretel “e’ stata destinataria di una donazione da parte del Movimento 5 Stelle Piemonte, che lo ha annunciato il 24 maggio 2019”. Quindi, recentemente.

“Oggi – scriveva il Movimento – consegniamo 195.000 euro ad 11 associazioni di volontariato che, ognuna nel proprio settore, contribuiscono a migliorare la nostra Regione: Banco Alimentare, Fondazione Operti, Centro Studi Hansel e Gretel, Caritas, Societa’ Meteorologica Italiana, Protezione Civile Coordinamento Piemonte, Aido-Donatori organi, Unitre’ Piemonte e Almm-Lotta Malattie Mentali, Cpd-Consulta persone in difficolta’, Diapsi Piemonte”. Infine, viene ricordato che la Onlus, all’epoca della donazione da parte del M5s, era “gia’ stata chiamata in causa dall’inchiesta Veleno di Pablo Trinca”.

Ha scritto il gruppo regionale M5S del Piemonte: “Sono gravi le circostanze emerse in queste ore riguardanti l’inchiesta che vede coinvolte persone vicine al Centro Studi Hansel e Gretel Onlus. Questa associazione ha beneficiato di un contributo da parte del Gruppo regionale M5S relativo alle restituzioni degli stipendi non percepiti dagli eletti in Consiglio regionale. In attesa della conclusione dell’iter giudiziario ci riserviamo la facoltà di richiedere il contributo erogato con l’intenzione di destinarlo, successivamente, ad un’altra realtà associativa attiva in Piemonte”.