Inchiesta su appalti, ben 93 anni di servizio per i dirigenti indagati

Santo Gnoni, comanda l'ufficio legale da 32 anni: allora c'era il Pci ed era sindaco Benassi. Alcuni di loro ricoprono o hanno ricoperto funzioni dirigenziali molto a lungo

REGGIO EMILIA – Sono in tutto 93 gli anni di servizio complessivamente accumulati da alcuni dei dirigenti del Comune di Reggio Emilia, finiti nel mirino della Procura reggiana nell’ultima inchiesta che vede indagate 15 persone. E’ tutto nero su bianco nei loro curricula (resi pubblici per legge), che rimettono al centro del dibattito il tema della struttura amministrativa del Comune e la rotazione dei suoi ruoli apicali.

Il funzionario piu’ “longevo” in piazza Prampolini e’ Santo Gnoni, a cui gli inquirenti sono arrivati a contestare i reati a lui ascritti piazzandogli una “cimice” nel telefono. Il dirigente del servizio Legale gia’ finito anche nell’inchiesta di febbraio scorso che vede coinvolti 18 dirigenti comunali – accusati a vario titolo di abuso d’ufficio e falso ideologico – lavora in municipio da 37 anni. Dirige l’ufficio legale dal 1987 quando era sindaco Ugo Benassi. All’epoca c’era il Pci e il muro di Berlino non era ancora crollato.

Gnoni, che fra l’altro è pochi giorni dalla pensione prevista per lui luglio, e’ stato assunto nel 1982, quando entro’ a far parte dell’amministrazione con la qualifica di Istruttore giuridico-amministrativo, passando nel 1985 al ruolo di dirigente del Servizio giuridico-amministrativo, con responsabilita’ dell’Ufficio Legale comunale. Nel 1986, ha ricoperto anche funzioni provvisorie di dirigente del “Servizio gestione affari del personale”, prima di diventare dal 1987 dirigente del Servizio Legale-Contratti (oggi Servizio Legale), ruolo che ricopre da 32 anni.

Dietro di lui Roberto Montagnani, che dal 2016 dirige il Servizio Appalti e Contratti. In Comune e’ entrato 23 anni fa, nel 1996, ricoprendo diversi incarichi tra cui dal 2008 al 2016 anche quello di vice segretario generale del Comune. Segue Ermes Torreggiani, dirigente del Servizio Ingegneria e manutenzioni (dal 2005) che lavora in municipio da 21 anni, cioe’ dal 1998. Silvia Signorelli, titolare di una posizione organizzativa come responsabile del’unita’ “Acquisti, appalti, contratti” e’ la dirigente piu’ giovane. Ricopre quel ruolo dal 2015. La sua carriera e’ iniziata all’azienda di servizi alla persona Rete, da cui nel 2005 e’ passata alla Provincia, di cui e’ dipendente “in comando” in municipio.

Infine Alessandro Meggiato, chiamato ad aprile del 2017 in Regione, ha diretto il servizio comunale Mobilita’ dal 2008. E’ stato ad interim anche dirigente della gestione del Patrimonio immobiliare. Dal 2006 al 2008, da libero professionista, e’ stato consulente del Comune sempre sui temi del traffico e della mobilita’ (Fonte Dire).