Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Csm, Morlini sostituito alla presidenza della Commissione

Il vice presidente David Ermini ha visto i togati Csm sospesi e ha fatto appello al loro senso di responsabilità

REGGIO EMILIA – La parola dimissioni non l’ha pronunciata nessuno. Ma in un incontro con i consiglieri togati del Csm che si sono autosospesi dopo il caso Palamara, fra i quali c’è anche il reggiano Gianluigi Morlini, il vice presidente David Ermini, li ha invitati – a quanto si è appreso – a prendere celermente una decisione, facendo appello alla massima responsabilità istituzionale.

E i consiglieri Corrado Cartoni, Antonio Lepre e Paolo Criscuoli, di Magistratura Indipendente e Gianluigi Morlini di Unicost gli hanno garantito che prenderanno una decisione in tempi brevi.

Morlini è anche presidente della V Commissione, che conferisce gli incarichi direttivi. Relativamente a questa Commissione, il Comitato di presidenza – a Palazzo dei Marescialli – è già intervenuto, modificandone la composizione: ora a presiedere sarà Mario Suriano (togato di Area) al posto del giudice reggiano.

Morlini ha deciso di autosospendersi per “senso di responsabilità”, pur nella “certezza della correttezza del mio comportamento”, rivelando di aver incontrato per caso in un albergo il parlamentare Luca Lotti (Pd) a un dopo cena.