Ballottaggio, guerra di certificati fra i due candidati

Vecchi mostra il certificato dei carichi pendenti: "Io pulito". Salati, invece, chiarisce le sue spese su Facebook

REGGIO EMILIA – Guerra di certificati tra i due candidati a sindaco di Reggio Emilia, che si sfideranno domenica al ballottaggio, Luca Vecchi e Roberto Salati. E’ successo ieri negli studi di Teletricolore dove, durante un dibattito, Salati ha risposto al Partito democratico che aveva chiesto trasparenza sulle spese per i post elettorali sponsorizzati su Facebook dal candidato della coalizione di centrodestra (Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia).

Ai bonifici (personali) esibiti dal suo competitor, il sindaco Luca Vecchi ribatte con le carte della propria posizione giudiziaria, tasto gia’ battuto dai suoi concorrenti in vista del primo turno elettorale. Vecchi mostra quindi non solo la sua posizione al casellario giudiziario – documento obbligatorio per legge per chi si candida, risultato “nullo”- ma anche il certificato “dei carichi pendenti”, relativo cioe’ ai processi in corso, che attesta come a carico del primo cittadino non ce ne siano.

“Cosi’ Salatino va a casa contento”, chiosa Vecchi nel confronto piuttosto accalorato che si era sviluppato.