Ballottaggi, doppia sfida a Reggio Emilia e Casalgrande foto

Urne aperte nei due Comuni, oggi, dalle 7 alle 23: il fac-simile della scheda elettorale e le modalità di voto

REGGIO EMILIA – Per la prima volta a Reggio Emilia e a Casalgrande si va al ballottaggio per la scelta del sindaco. I reggiani torneranno alle urne domenica dalle 7 alle 23. A Reggio Emilia dovranno scegliere tra Luca Vecchi (candidato del centrosinistra, che al primo turno ha ottenuto il 49,13%) e Roberto Salati (candidato del centrodestra, che ha raggiunto il 28,2%).

A Casalgrande, invece, tra il sindaco uscente Alberto Vaccari (che ha ottenuto il 38,6% dei voti) e Giuseppe Daviddi (che ha avuto il 23% dei voti). Lo scrutinio inizierà subito dopo la chiusura dei seggi.

Il corpo elettorale
Il corpo elettorale, ovvero il numero degli elettori, è identico ed è composto da tutti coloro che avevano diritto di votare il 26 maggio scorso. Per cui chi ha compiuto i 18 anni dopo il 26 maggio 2019 non può votare al ballottaggio. Al ballottaggio si vota solo per il sindaco e non per i consiglieri comunali e per le singole liste. Cambia dunque scheda elettorale. Sulla scheda del ballottaggio si vedranno i nomi dei due candidati ammessi e sotto il loro nome ci saranno i simboli delle liste collegate.

ballottaggi

Non è possibile il voto disgiunto
Per esprimere il voto si traccia una croce o un segno nel rettangolo entro il quale compare il nome del candidato sindaco prescelto. Il voto è valido anche se l’elettore pone la croce sul simbolo di una o più liste collegate a un candidato, oppure sia sul nome del candidato sindaco sia sul simbolo di una o più liste collegate. Non si può fare, invece, il voto disgiunto, per cui viene annullata la scheda in cui sia stato votato un candidato sindaco e una lista collegata all’altro candidato sindaco. Così come è nulla la scheda in cui sono votati entrambi i candidati.

ballottaggi

Non si votano i consiglieri comunali
Non saranno votati i consiglieri comunali, che sono già stati eletti sulla base dei voti di lista e delle preferenze espresse al primo turno. Al secondo turno, infatti, non sono attribuiti voti di lista. Le liste collegate al candidato sindaco vincente hanno diritto al premio di maggioranza. Chi vince prende il 60% del numero dei seggi, che a Reggio significa 20 consiglieri su 32. Lo spoglio inizierà subito dopo le elezioni ed entro poche ore si sarà chi sarà il nuovo sindaco.