Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Piemonte, verso la vittoria il centrodestra di Cirio

Affluenza definitiva in calo al 63,34%. Salvini: voto è un chiaro segnale per Sì Tav

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Con lo scrutinio ultimato in tutte le sezioni della regione (1181), l’affluenza definitiva alle elezioni regionali del Piemonte è del 63,34%, contro il 66,45% della precedente consultazione. Lo indica il ministero dell’Interno.

“Se la Lega andrà al governo in Piemonte è chiaro che sarà un messaggio per la prosecuzione delle grandi opere. Abbiamo chiesto il voto per il Sì”. Lo dichiara Matteo Salvini, leader della Lega, in conferenza stampa a via Bellerio, commentando i risultati del voto.

“Naturalmente un commento sul voto regionale sarà possibile solo sulla base dello spoglio reale, ma è evidente che se gli exit poll venissero confermati, la vittoria di Alberto Cirio e del centrodestra sarebbe netta”. Il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, candidato per il secondo mandato del centrosinistra, commenta così gli exit poll. “In attesa dei risultati ufficiali, voglio ringraziare chi mi ha votato – aggiunge – e tutti coloro che mi hanno sostenuto ed aiutato in questa campagna elettorale”.

I risultati veri, quelli dello spoglio, saranno noti soltanto nel pomeriggio, quando verranno aperte le urne. Ma qualche indicazione sull’esito del voto in Piemonte, chiamato a rinnovare il presidente della Regione e il Consiglio regionale, arriva già dagli exit poll.

In testa, secondo il consorzio Opinio Italia per la Rai c’è Alberto Cirio: il candidato del centrodestra è accreditato tra il 45% e il 49%, con il governatore uscente Sergio Chiamparino tra il 36,5% e il 40,5%. Staccato Giorgio Bertola, candidato del Movimento 5 Stelle, per il quale la forchetta è tra il 12% e il 16% (cinque anni fa aveva sfiorato il 21, 5%).

Confinato all’irrilevanza Il Popolo della Famiglia, con Walter Boero, che nelle migliori previsioni non supererebbe l’1%. I margini di errore, ricordano gli esperti, esistono. Ma se la tendenza dovesse essere confermata, il Piemonte cambierebbe colore, aprendo nuovi scenari anche a livello nazionale.

“Se la Lega andrà al governo in Piemonte è chiaro che sarà un messaggio per la prosecuzione delle grandi opere. Abbiamo chiesto il voto per il Sì”. Lo dichiara Matteo Salvini, leader della Lega, in conferenza stampa a via Bellerio, commentando i risultati del voto.

Più informazioni su