Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Padovani (Lega): “Offese a Salvini sui muri di Lugo, anarchici incivili”

Il candidato leghista al Parlamento europeo nella circoscrizione del Nord Est: "Bisognerebbe togliere loro il diritto di voto"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – “Qualche vandalo delinquente la scorsa notte si è divertito a imbrattare i muri di Lugo con frasi vergognose e inaccettabili. Questi anarchici – così firmano le loro infime gesta – dovrebbero imparare il senso civico e non imbrattare i monumenti e palazzi storici delle città. Per quanto mi riguarda sono loro i veri fascisti che non rispettono le idee altrui e che attaccano vigliaccamente le istituzioni e le Forze dell’ordine. A mio parere figuri come questi non meriterebbero nemmeno il diritto di voto, visto e considerato il loro senso di educazione civica, che li porta a deturpare cose che appartengono a tutta la comunità”.

Dura e ferma la condanna di Gabriele Padovani, candidato leghista al Parlamento europeo nella circoscrizione del Nord Est, nei confronti dei vandalismi e delle scritte oltraggiose rivolte al Ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

“Scritte con insulti e soprattutto minacce di morte sono inaccettabili ed è per questo che auspichiamo che si possano punire questi personaggi incivili e violenti che utilizzano metodi deplorevoli e fuori dal tempo per cercare di intimidire il ministro Matteo Salvini e chi rappresenta il nostro partito. Questi modi vigliacchi vanno repressi con decisione. Spiace constatare che questi attivisti anarchici non conoscano forme di comunicazione civile se non l’uso della minaccia e della violenza. Confidiamo quindi nella professionalità delle forze dell’ordine, a cui va il nostro ringraziamento”, conclude Padovani.

Più informazioni su