Il momento magico della Virtus Bagnolo foto

La società sportiva nata nella frazione di Pieve è oggi una delle società più ambiziose della provincia. Il diesse Roberto Bonacini: “L’applauso più grande è da destinare ai dirigenti Andrea Aldini e Fabio Montanari”

BAGNOLO – Chi non è mai stato alle feste estive nella frazione di Pieve Rossa di Bagnolo non può capire quale sia la forza di questa Virtus, una società in grado oggi di farsi largo nel popoloso palcoscenico del calcio reggiano proponendo una prima squadra frizzante e vincente oltre ad una Scuola calcio di prospettiva, capace di contare circa 300 tesserati.

Grazie ad una stagione di altissimo livello, il club del direttore sportivo Roberto Bonacini, è riuscito a uscire dalle sabbie mobili della terza categoria e a vincere il campionato grazie ad una squadra di qualità, ad una squadra di carattere e di valore che ha portato a casa ben 67 punti lasciandosi alle spalle club come il Progetto Montagna ed il Cavriago, oltre al pimpante e rinato Carpineti, altro club che sicuramente farà benissimo nei prossimi anni.

Alla finale della Fossil Cup, che, come da tradizione si svolge allo stadio Fratelli Campari, abbiamo incontrato proprio il diesse Roberto Bonacini, che ha commentato così la vittoria del campionato: “Ringrazio tutti coloro che ci hanno aiutato a vincere questa Terza categoria, ringrazio l’allenatore e tutto il suo staff: sono stati meravigliosi, ora godiamoci questo momento”. Il direttore generale ha inoltre parlato del futuro del club: “La prima squadra ci appassiona, ma ci appassiona ancora di più il settore giovanile. Negli anni siamo riusciti a costruire una buona Scuola calcio e sono fiero di dirvi che, ad oggi, contiamo più di 300 tesserati. Abbiamo tante buone idee per il futuro e sono certo che, insieme, riusciremo a portare a termine tutti i nostri progetti. Questa è la vittoria di tutta la Virtus, di Fabio Montanari e di tutti i dirigenti e gli amici di questa società sportiva”. Nel finale, l’uomo mercato della prima squadra, ha concluso parlando della colonna portante di questo progetto comunitario e sportivo: “Dedichiamo questo momento magico ai nostri Fabio Montanari e Andrea Aldini, anima e cuore della nostra società, due persone stupende che lavorano per il bene di Bagnolo e per garantire opportunità e momenti di crescita ai giovani della nostra piazza. L’applauso più grande dobbiamo riservarlo a loro”.