Il M5S attacca Salati: “E’ lì per fare vincere Vecchi”

I pentastellati contro il candidato del centrodestra: "Con una serie di gaffe ha clamorosamente scaricato Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Duro attacco del Movimento 5 Stelle al candidato sindaco del centrodestra, Roberto Salati, che viene definito “un campione di simpatia messo lì apposta per fare vincere Vecchi”. Nel video che vi mostriamo, postato su Facebook dalla candidata al consiglio comunale pentastellata Jessica Suffritti, girato durante un incontro sulle scuole fra i candidati sindaci, il candidato del centrodestra, secondo quanto scrivono i Cinque Stelle, “scarica Vinci e la Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia con una facilità disarmante, ma sono tutti quelli che lo sostengono”.

Salati: “Io non rispondo del loro operato in cinque anni di consiglio comunale, perché entro in scena adesso”

Scrive il M5S: “Salati con una serie di gaffe ha clamorosamente scaricato Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia che in questi anni in consiglio comunale (al contrario del Movimento 5 Stelle che ha difeso quel modello educativo) hanno sempre attaccato il modello della scuola e nidi d’infanzia reggiani. Lo ha fatto con frasi del tipo:
‘sto dando un giudizio mio personale’, ‘io non rispondo dell’operato che hanno fatto in cinque anni di consiglio comunale io entro in scena adesso, non posso rispondere di quello che hanno fatto 5 anni fa o 10 anni fa’ . Già, ma tra questi consiglieri ci sono coloro che lo hanno presentato in pompa magna: ci sono il capolista della Lega Vinci che ha indicato Salati, quello di Forza Italia Bassi insieme al consigliere uscente Caccavo, più la Rigon di Fratelli d’Italia…”.

Salati: “Mi trovo spesso d’accordo con Vecchi, Rubertelli e chichessia…”

I Cinque Stelle citano altri passaggi dell’intervento di Salati che ha detto: “Io rappresento una coalizione di tre partiti, ma sono a parlare di quello che farei io (e chi lo sostiene se non Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia?). Se dovessi disconoscere le posizioni di qualcuno da parte della mia coalizione lo faccio ben volentieri, mi trovo spesso d’accordo con Vecchi e Rubertelli e chicchessia”.

Commentano sarcastici i pentastellati: “Che sia un annuncio di una quarta lista fantasma? Il listone chichessia? Le delibere in Comune chi le vota? Perché si è candidato con il centrodestra?

Salati: “Ma chi se frega se la Lega non è in consiglio. Sarà un problema suo”

Poi suscita l’ilarità di un centinaio di persone in sala sull’assentesimo in consiglio comunale del capolista della Lega Vinci (suo mentore) dichiarando: ‘Evitiamo queste polemiche sulla Lega che non è in consiglio. Ma chi se ne frega se la Lega non è in consiglio. Sarà un problema suo (del capolista Vinci, ndr) io parlo per me, parliamo del futuro non del passato…’.

Aggiunge il M5S: “Già. Non essere presenti in consiglio comunale non è un problema, come se il capogruppo leghista e parlamentare Vinci che lo ha indicato fosse un marziano verde calato da un misterioso pianeta rosso”.

Salati: “Io adesso non sono informatissimo su quelli che sono i dati, perché non ho avuto fisicamente il tempo”

Salati continua: “Son sempre chiamato io a rispondere di quello che hanno fatto cinque anni prima”. Poi, sulla scuola, aggiunge: “Io adesso non sono informatissimo su quelli che sono i dati, perché non ho avuto fisicamente il tempo, c’è un campo vastissimo, non ho i dati che avete voi che lavorate in Comune”.

Concludono i Cinque Stelle: “Questo è quanto dichiarato con animosità e coinvolgimento dal candidato del centrodestra. Possiamo già attribuire il premio per il candidato sindaco più simpatico, che va a Salati, ma è evidente che per essere credibili al ballottaggio e mandare a casa Vecchi l’unica strada è votare l’avvocato Rossella Ognibene, assieme alla squadra di governo che andremo a presentare alla città”.

Guarda il video

Più informazioni su