Quantcast

Elezioni, gli scenari post ballottaggio: ecco i possibili consiglieri comunali

Le opzioni, ovviamente, cambiano a seconda della vittoria di Vecchi o Salati

REGGIO EMILIA – Sono due gli scenari alternativi aperti per il prossimo Consiglio comunale di Reggio Emilia, legati all’esito del ballottaggio tra Luca Vecchi (sindaco uscente sostenuto dalla coalizione di centrosinistra a guida Pd) e Roberto Salati, appoggiato da Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia.

Ipotesi Vecchi sindaco
Nel caso Vecchi – che al primo turno ha raggiunto il 49,1% mancando di poco la vittoria – venisse riconfermato, la maggioranza in sala del Tricolore sarebbe formata da 20 consiglieri su 32, di cui 17 del Partito democratico piu’ un rappresentante di ciascuna delle liste alleate: ImmaginaRe, +Europa e Reggio e’.

Sebbene nessuna di queste abbia raggiunto il quorum necessario del 3%, il “ripescaggio” avviene infatti in base alla norma che assegna alla coalizione vincitrice il 60% dei seggi. Con il Vecchi-bis i consiglieri sarebbero quindi, oltre allo stesso Vecchi, Annalisa Rabitti (la piu’ votata in assoluto con 1345 preferenze, che pero’ potrebbe tornare al suo vecchio incarico di presidente delle Farmacie riunite), Dario De Lucia (mister preferenze con 875 voti), il medico Claudio Pedrazzoli, Marwa Mahmoud, l’ex presidente della cooperativa Papa Giovanni XXIII Matteo Iori e la consigliera uscente Claudia Aguzzoli.

E ancora: Paola Ferretti, Riccardo Ghidoni, Fabiana Montanari (ex presidente di arcigay), Nicola Tria (gia’ presidente della Camera penale di Reggio), Gianluca Cantergiani (nello scorso mandato vice capogruppo del Pd) e Christian Vergalli, anche lui al secondo mandato. Infine: Matteo Braghiroli, Giuliano Ferrari, Davide Corradi (figlio del presidente di Acer) e Cinzia Ruozzi. Ritorna poi in Consiglio Lanfranco De Franco, gia’ capogruppo di Mdp e promotore della lista Reggio e’.

Nella maggioranza di Vecchi, per la lista ecologista immaginaRe entra Carlotta Bonvicini e per +Europa Mariafrancesca Sidoli. Passando ai 12 consiglieri di opposizione, nel caso di una vittoria di Vecchi, sarebbero cinque esponenti della Lega, quattro del M5s (ma se vince Salati avranno un consigliere in meno) e uno a testa di Forza Italia, Fratelli d’Italia e Alleanza civica.

I nomi del Carroccio, dunque: Salati e il deputato Gianluca Vinci, affiancati da Matteo Melato, Alessandro Rinaldi e Stefano Sacchi. Per i 5 stelle: la candidata a sindaco Rossella Ognibene, i consiglieri uscenti Paola Soragni e Gianni Bertucci e il medico Fabrizio Aguzzoli. Infine Claudio Bassi di Forza Italia – alla seconda consigliatura – Alessandro Aragona per Fratelli d’Italia e Cinzia Rubertelli, candidata a sindaco di Alleanza civica.

Ipotesi Salati sindaco
Se il nuovo sindaco di Reggio Emilia fosse Salati, invece, la maggioranza in sala del Tricolore sara’ composta da 16 consiglieri della Lega, due di Forza Italia e altrettanti di Fratelli d’Italia. Vale a dire i leghisti Gianluca Vinci, Matteo Melato, Alessandro Rinaldi, Stefano Sacchi, Giorgio Varchetta, Daniela Spaggiari, Vittorio Spagni, Valerio Lati, Paolo Roggero, Giuseppe Amendola, Davide Fratti, Giorgio Margini, Roberto Monti, Davide Curti e Marcello Corradini, a cui si aggiunge Salati stesso.

A rappresentare Forza Italia saranno Claudio Bassi e Isabella Bertani mentre Fratelli d’Italia Alessandro Aragona e Roberta Rigon, gia’ presente nello scorso mandato. All’opposizione di Salati ci sarebbero otto eletti Pd, tre del M5s, e uno di Alleanza civica (Cinzia Rubertelli).

I dem: Luca Vecchi, Annalisa Rabitti, Dario De Lucia, Marwa Mahmoud, Matteo Iori, Paola Ferretti, Riccardo Ghidoni e Claudia Aguzzoli. Nel M5s infine Rossella Ognibene, Fabrizio Aguzzoli e Paola Soragni (fonte Dire).