Spacciava droga da 5 anni, il “Puma” finisce dietro le sbarre

Un 49enne reggiano residente a Quattro Castella è finito in manette: documentate centinaia di cessioni di stupefacenti

Più informazioni su

QUATTRO CASTELLA (Reggio Emilia) – Un 49enne reggiano di Quattro Castella è stato arrestato ieri mattina dai carabinieri con l’accusa di spaccio. Secondo i carabinieri sarebbe stato il protagonista di centinaia di cessioni di droga, hascisc e marijuana, ai giovani della Val d’Enza in un quinquennio di spaccio.

Il pusher, per non essere trovato, cambiava continuamente i luoghi di consegna e, per non dare nell’occhio, prediligeva incontrare i clienti sia all’interno che all’esterno di locali pubblici provvedendo anche a curare consegne nel proprio domicilio. Nessuno sapeva la sua vera identità: per tutti era il “Puma” ovvero il “nome di battaglia” che aveva dato ai suoi clienti insieme al numero di cellulare per essere contattato.

L’indagine è iniziata lo scorso ottobre quando i carabinieri di Gattatico hanno appreso che il 49enne era dedito allo spaccio di droga che perfezionava attraverso contatti telefonici e successivi appuntamento nell’area della val d’Enza. Individuato il sospetto i carabinieri sono risaliti all’utenza utilizzata per i contatti con i suoi clienti. Dal telefono del pusher i carabinieri sono risaliti a quelli di numerosi clienti, anche minori, che sono stati tutti sentiti dai carabinieri.

Questo ha permesso di ricostruire l’attività di spaccio compiuta a favore di decine di reggiani che hanno dichiarato di aver comprato in diverse occasioni stupefacenti dall’uomo che conoscevano solo come “Puma” che poi hanno riconosciuto in apposita seduta di individuazione fotografica. Le indagini hanno portato a ricostruire centinaia di cessioni di stupefacenti fatte nell’ultimo quinquennio per un business stimato in svariate decine di migliaia di euro. Ieri mattina l’arresto dell’uomo.

Più informazioni su