Correggio, spari al campo nomadi: ferito un 32enne

E' successo in via Sinistra Tresinaro in un'area che ospita una cinquantina di persone di etnia sinti. Una donna contesa sarebbe all'origine della lite fra due nomadi

CORREGGIO (Reggio Emilia) – Un 32enne è stato ferito, oggi verso le 10.30, a colpi di arma da fuoco nel campo nomadi di via Sinistra Tresinaro a Correggio, un’area che ospita una cinquantina di persone di etnia sinti. Sul posto è intervenuta la squadra mobile della polizia che sta cercando di ricostruire quanto accaduto. L’uomo è rimasto ferito a una gamba e non è in pericolo di vita.

A quanto si apprende c’è stata una lite fra sinti, per motivi di gelosia, relativamente a una donna contesa e i colpi di pistola, almeno cinque, sono stati esplosi in questo contesto. Uno dei proiettili ha raggiunto alla gamba il 32enne. Il ferito è poi stato portato al pronto soccorso di Carpi. I sanitari hanno avvistato il posto di polizia che ha iniziato ad indagare.

Si sta ora cercando il nomade che ha ferito il 32enne. Abita nello stesso campo e ha più o meno l’età della vittima. Sembra che si sia allontanato in auto con la sua compagna. La pistola utilizzata per la sparatoria non è ancora stata trovata.

Dice a Reggio Sera il sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi: “Da quanto sappiamo si è trattato di un litigio, per futili motivi legati a una situazione di gelosia. E , ovviamente, il pensiero è andato subito a quanto accaduto solo pochi giorni fa a Rondinara, purtroppo con esiti ben più drammatici, quando un 58enne è entrato al bar e ha sparato, uccidendolo, a un suo ex amico. Anche in quel caso per un motivo simile. Non ho particolari strumenti per commentare un fatto che interessa contesti famigliari. Certo è che gesti del genere, in contesti così diversi, fanno riflettere una volta in più sul tema della violenza famigliare e sulla facilità con cui si cerca di risolvere un problema mettendo mano alle armi”.