Compra 120mila euro di stoviglie e non le paga: denunciato

Un 50enne napoletano è accusato di truffa nei confronti di una azienda di Prato la cui legale rappresentante vive a Gattatico

Più informazioni su

GATTATICO (Reggio Emilia) – Un 50enne napoletano è stato denunciato per truffa ai danni di un’azienda della provincia di Prato, la cui legale rappresentante risiede a Gattatico. L’uomo ha comprato ingenti partite di stoviglie, per un controvalore di 120mila euro, senza mai pagarle.

L’uomo nel settembre dell’anno scorso ha effettato un importante acquisto di stoviglie del valore complessivo di 120.000 euro (piatti di plastica, bicchieri, forchette, tovaglioli, shopper bio etc…) dall’azienda. La consegna della merce era avvenuta in tre trance nello stesso stabilimento dell’azienda raggirata da parte del truffatore che aveva provveduto al ritiro delle stoviglie.

Queste dovevano essere pagate, come da accordi, a 90 giorni con fattura da emettere a favore di quella che lui sosteneva di essere la sua azienda: una ditta del bolognese completamente estranea agli acquisti.

Quando l’azienda bolognese, a cui sono poi giunte le fatture, ha detto che non c’entrava nulla con gli acquisti, l’azienda della provincia di Prato, legalmente rappresentata dall’imprenditrice reggiana, ha sporto denuncia ai carabinieri di Gattatico. Nelle loro mani: un nome e un cognome inesistente, una ditta bolognese realmente esistente, ma ignara della truffa e due utenze telefoniche usate dal truffatore risultate intestate a persone inesistenti.

Apparentemente un colpo perfetto se non fosse che i carabinieri di Gattatico hanno indirizzato le indagini sull’unico elemento in loro possesso: la descrizione dettagliata del truffatore. Attraverso la ricostruzione di un identikit e l’aiuto degli altri reparti dell’Arma dei Carabinieri, i militari di Gattatico sono risaliti al 50enne napoletano che è stato denunciato per truffa.

Più informazioni su