Aemilia, l’avvocato Comberiati valuta ricorso a Cassazione

Il legale è stato condannato in appello per le minacce al sindaco Luca Vecchi

REGGIO EMILIA – Valutera’ il ricorso in corte di Cassazione una volta apprese le motivazioni della sentenza di condanna. Lo fa sapere l’avvocato Luigi Antonio Comberiati, condannato lo scorso 18 aprile in appello a sei mesi (gli sono state concesse la sospensione condizionale della pena e la non menzione della condanna nel certificato del casellario giudiziale) per la vicenda della lettera recapitata nel febbraio del 2016 alla redazione reggiana de “Il Resto del Carlino”, scritta in carcere dal suo assistito Pasquale Brescia e rivolta al sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi.

Una missiva che per i giudici della Corte d’appello di Bologna, che hanno ribaltato l’assoluzione “perche’ il fatto non sussiste” decisa in primo grado, conteneva minacce di stampo mafioso al primo cittadino reggiano. Comberiati era oggi nell’aula del processo Aemilia 1992, come sostituto di un difensore. Quando nel 2017, in pieno svolgimento del maxi processo Aemilia contro la cosca Grande Aracri il legale apprese delle accuse a suo carico, decise di rimettere il mandato (fonte Dire).