Tangenziale di Rubiera, i cantieri partiranno entro l’estate

Il ministero delle Infrastrutture ha sbloccato la bretella Campogalliano-Sassuolo e quindi, di conseguenza anche l'opera attesa da anni per decongestionare il traffico della via Emilia

Più informazioni su

RUBIERA (Reggio Emilia) – Il ministero delle Infrastrutture sblocca la bretella Campogalliano-Sassuolo e quindi, di conseguenza anche la tangenziale di Rubiera attesa da anni per decongestionare il traffico della via Emilia. Il sindaco Cavallaro esulta: “La bretella Campogalliano-Sassuolo ha superato positivamente l’analisi costi-benefici. I cantieri partono entro l’estate, lo ha annunciato il ministro dopo l’incontro col presidente della Regione. Aspetto di leggere la documentazione ufficiale, ma è una notizia importantissima per la nostra comunità e per la nostra tangenziale”.

L’analisi costi-benefici, voluta dal ministro Danilo Toninelli, “ha dato esito positivo”. E dunque l’opera “verra’ portata avanti”, con i cantieri che potranno aprire, come piu’ volte affermato dalla Regione Emilia-Romagna, entro l’estate. È questo l’esito del vertice convocato a Roma dal ministero insieme a Regione ed enti locali. “Nel corso della riunione odierna- riferisce il ministero- si e’ affrontato anche il tema della bretella Campogalliano-Sassuolo. Si tratta di un’opera ereditata dal passato, il cui iter amministrativo e’ stato peraltro concluso in fretta pochi giorni prima dell’insediamento dell’attuale Governo e su cui era doveroso svolgere una accurata analisi costi-benefici”.

Il ministero ci tiene a precisare che l’analisi “non ha comportato alcun blocco o ritardo dei lavori”. Ora pero’ “e’ stata conclusa e sara’ pubblicata a breve sul sito istituzionale del ministero delle Infrastrutture, dando esito positivo”. Quindi, “alla luce dell’iter avanzato e delle valutazioni tecniche positive, quest’opera, i cui lavori sono fermi da 17 anni e non certo a causa di questo Governo, verra’ portata avanti”.

Il deputato Rossi: “Una straordinaria vittoria dell’Emilia-Romagna”
“Il via libera alla bretella Campogalliano-Sassuolo sancito dall’incontro con il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, e’ una straordinaria vittoria dell’Emilia-Romagna e del Paese”. A dirlo e’ Andrea Rossi, deputato Pd ed ex sottosegretario alla presidenza della Regione Emilia-Romagna. “Un successo dovuto alla tenacia e alla compattezza di un territorio impegnato ad ottenere la possibilita’ di realizzazione di opere strategiche sia per un distretto produttivo leader nel mondo come quello ceramico- continua Rossi- che per la mobilita’ dei nostri cittadini e della sostenibilita’ ambientale a partire dalla realizzazione della tangenziale di Rubiera”.

Il deputato dem non manca di sottolinaere i “dieci mesi di ritardo” e il “parere negativo del sottosegretario Michele Dell’Orco, che le aveva definite inutili”. Ma su quelle opere, “grazie all’incessante impegno del presidente Stefano Bonaccini, al sostegno delle forze economiche e sociali, alla battaglia politica anche del Pd, si e’ raggiunto un risultato importante – insiste Rossi – l’analisi costi-benefici ha riconosciuto la bonta’ dei nostri progetti e ora possiamo procedere con i cantieri. Avevamo detto ‘se si ferma l’Emilia-Romagna si ferma l’Italia’. Finalmente ora si sbloccano opere che attendevamo da anni”.

Il Pd rivendica lo sblocco dell’opera
Il Pd rivendica lo sblocco della Campogalliano-Sassuolo confermata nell’incontro tra il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, e gli enti locali emiliano-romagnoli. “Una vittoria della mobilitazione di tutta la comunita’ locale ed un importante risultato ottenuto grazie anche all’impegno della Regione e dei parlamentari del Pd”, commenta il capogruppo democratico alla Camera, Graziano Delrio. “Finalmente il governo riconosce la validita’ dei progetti e sblocca i cantieri che potevano partire gia’ dieci mesi fa e che solo un’ostilita’ ingiustificata ha fermato, ritardando un’opera decisiva per la mobilita’ ed il trasporto dell’intera area. E’ risultata sconfitta una visione nemica delle opere pubbliche ma al prezzo di un grave ritardo che pesa sull’economia del territorio e sulla vita delle persone”, aggiunge Delrio.

“I progetti di un’infrastruttura strategica dell’Emilia-Romagna erano gia’ pronti da tempo, ma negli ultimi dieci mesi l’esecutivo ha perso solo tempo rimandando ad un’analisi costi-benefici che alla fine ha confermato l’impostazione iniziale del lavoro. Oggi a vincere e’ l’Emilia-Romagna, i suoi cittadini, il Pd, ma sopratutto quelle forze economiche e sociali che hanno lavorato in questi anni per lo sblocco dell’opera”, dichiara la senatrice Pd Vanna Iori. “Ora che il governo ha alzato bandiera bianca non intralci piu’ questo percorso di crescita e sviluppo gia’ fin troppo ritardato”, incalza Iori. Anche Forza Italia, pero’, si attribuisce il merito dello sblocco della bretella.

Canta vittoria anche Forza Italia
“Ancora una volta, grazie all’incessante azione dei parlamentari di Forza Italia e di Benedetta Fiorini in particolare, i 5Stelle ammainano una loro bandiera e si arrendono all’evidenza: la bretella Campogalliano-Sassuolo si fara’”, canta vittoria Giorgio Mule’, portavoce azzurro di Camera e Senato.

“Non era necessario ovviamente attendere il verdetto della stucchevole analisi costi-benefici del ministero dei Trasporti, ma i 5 Stelle sono fatti cosi’: provano a fermare il progresso, lo sviluppo e i posti di lavoro ma poi devono arrendersi come gia’ successo con Ilva, Tap e presto la Tav”, attacca Mule’. “Quella che l’attuale sottosegretario ai Trasporti non eletto proprio a Modena, Michele Dell’Orco dei 5Stelle, bollo’ come ‘inutile opera’ diventera’ dunque realta’. E sara’, come Forza Italia ha ripetuto dentro e fuori il Parlamento, un’opera utilissima e strategica realizzata con lungimiranza da privati che dara’ un impulso straordinario alle aziende del territorio”, conclude il deputato.

Più informazioni su