Reggio E’: “Ospitiamo noi il festival dedicato a Terzani censurato dalla Lega”

Lo propone la lista civica che sostiene Vecchi a proposito di Vicino/Lontano a cui il Comune di Udine ha tagliato i fondi

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – “Il Comune di Reggio Emilia dia subito la disponibilità a ospitare il festival Vicino/Lontano dedicato alla figura di Tiziano Terzani, giornalista e scrittore scomparso nel 2004, il cui svolgimento è a rischio in seguito ai tagli imposti dalla giunta udinese a guida Lega”. Lo propone Reggio è, lista civica a sostegno del sindaco uscente Luca Vecchi, che in questi mesi sta animando il dibattito sulle politiche culturali reggiane. “È doveroso garantire a quest’importante momento culturale l’attenzione, l’autonomia e il rispetto che merita”, dicono i promotori del progetto.

Il festival si terrà ad Udine dal 16 al 19 maggio, ma la giunta leghista ha ridotto da 30mila e 10mila euro il contributo e questo mette a rischio il festival per il futuro. L’assessore alla Cultura leghista, Fabrizio Cigolot, ha motivato la decisione dicendo è “un festival comunista e non porta turisti”.

“Il reporter di guerra polacco Ryszard Kapuściński – proseguono – diceva che Terzani “con il suo lavoro di giornalista ha saputo davvero creare quel ponte tra le diversità e le differenze che poi dà modo anche agli altri di capire il mondo, un mondo che cambia velocemente e drammaticamente”. Sicuramente questa visione spaventa un partito come la Lega, che basa la sua azione sulla paura del diverso, sulla chiusura e sulla conservazione. Reggio Emilia invece è una città ospitale e aperta, dove queste idee possono trovare spazio”.

“La censura politica del pensiero culturale – concludono i rappresentanti di “Reggio è” – va di pari passo con i tentativi di restaurazione messi in campo in varie forme dalle forze del governo del cambiamento. Idee che sono diametralmente all’opposto alla nostra idea di cultura e che ogni giorno ci impegniamo a contrastare”.

Più informazioni su