Reggio Città Universitaria, anche Cna tra i sostenitori

L’associazione degli artigiani e della piccola e media impresa garantirà il proprio contributo all’apertura del terzo polo universitario per il prossimo quinquennio

REGGIO EMILIA – Anche la Cna reggiana entra nel pool degli sponsor del Progetto UniMoRe 2020 – Reggio Città Universitaria che, guidato dal Comitato Reggio Città Universitaria, prevede l’apertura del terzo polo universitario nella nostra città.

L’associazione, rappresentante dei settori artigianato e piccola e media impresa, ha ufficializzato nei giorni scorsi il proprio sostegno al progetto, che prevede la ristrutturazione dell’immobile di viale Timavo e l’apertura, nell’autunno 2020, del polo che ospiterà circa 2mila persone, tra studenti e personale, e uno studentato con oltre 100 camere.

“L’adesione di CNA – commenta il presidente del Comitato Reggio Città Universitaria, Mauro Severi – rappresenta un grande valore e sappiamo che non sarà l’ultimo. Il mondo dell’artigianato e della piccola e media impresa rappresenta una fetta importante della nostra economia e società locale. Per questo motivo siamo orgogliosi che sia entrata a far parte del pool di sostenitori”.

Prosegue ancora Severi: “L’intera città sta comprendendo la portata e il significato di questo progetto, che consiste non solo nel fatto di essere un investimento concreto per il futuro dei nostri figli, delle nostre imprese e della nostra comunità, ma anche di rappresentare un significativo passo in avanti nella crescita intellettuale e innovativa del territorio”.

Il neo-sostenitore del Progetto UniMoRe 2020 – Reggio Città Universitaria garantirà un contributo per il prossimo quinquennio. Il logo CNA Reggio Emilia apparirà pertanto nei prossimi giorni lungo viale Timavo nella rosa dei soci e sostenitori.