Quantcast

Povertà, a Reggio “spesa sospesa” per l’Emporio solidale

Dal 27 marzo al 27 giugno, nei tre punti vendita reggiani di Natura Sì, si potra' sostenere il progetto che aiuta le persone in difficoltà

REGGIO EMILIA – Dal 27 marzo al 27 giugno, nei tre punti vendita reggiani di Natura Sì, si potra’ partecipare alla “spesa sospesa” e sostenere il progetto dell’emporio solidale Dora, in cui le famiglie in difficolta’ del territorio possono fare la spesa gratuitamente.

“Gia’ in passato Natura Si ha appoggiato Dora con raccolte straordinarie e donazioni, ora compie un ulteriore salto di qualita’ in questo senso”, fanno sapere dall’emporio. e funziona? La “spesa sospesa” non eroga prodotti alimentari specifici ma adotta la formula della piccola donazione economica in cassa da riversare all’emporio solidale che utilizzera’ quanto raccolto per acquistare prodotti mancanti e offrire nuovi servizi alle famiglie. La partecipazione al circuito prevede a sua volta un’adesione da parte dei commercianti che sottoscrivono una carta di impegno etico a sostegno delle buone pratiche sul territorio.

Nel concreto, nei tre punti vendita Natura Si di Reggio Emilia (via Teggi, via Montefiorino e via Edison) dal 27 marzo al 27 giugno, i clienti potranno scegliere se aggiungere una donazione di 1, 2 o 5 euro (o piu’) alla propria spesa. Per i clienti che desidereranno donare piu’ di 10 euro e usufruire degli sgravi fiscali, sara’ disponibile un pos in cassa direttamente collegato all’emporio solidale. I soldi raccolti formeranno il budget de “La Spesa Sospesa” che sara’ convertito in acquisto di prodotti e servizi in emporio per tutta la durata del progetto. L’iniziativa e’ promossa dalla rete regionale degli empori solidali e da Natura Si e, dopo la campagna sperimentale a Reggio Emilia, in autunno sara’ replicata sul territorio regionale.