Pensioni, nel Reggiano sono già 621 le richieste per la quota 100

Il deputato del M5S Zanichelli: "E' una misura per il lavoro e contro la fuga di cervelli"

REGGIO EMILIA – A Reggio Emilia e provincia sono gia’ 621 le richieste presentate dai cittadini per ottenere la pensione con la cosiddetta “Quota 100”. Il conto lo ha fatto il deputato del Movimento 5 Stelle Davide Zanichelli che sottolinea: “L’approvazione della misura prevista nel contratto di Governo e fortemente voluta dal Movimento 5 Stelle permettera’ di produrre effettivi positivi non soltanto per i lavoratori che potranno finalmente andare in pensione a 62 anni con 38 di contributi, ma anche per tutti i giovani che si avvicinano al mondo del lavoro”.

Infatti, spiega il parlamentare, “troppo a lungo validi professionisti sono rimasti ai margini per assenza di turnover. Chi andra’ in pensione prima di quanto originariamente previsto dalla riforma Fornero non avra’ penalizzazioni sull’assegno e dara’ anche una chance aggiuntiva ai giovani italiani”. Il provvedimento, sottolinea ancora il parlamentare, “e’ anche un modo efficace per contrastare la fuga dei cervelli di cui ha drammaticamente sofferto il nostro Paese”.

Zanichelli, infine, “ricorda che il Governo ha previsto anche una ‘opzione donna”, che permettera’ gia’ nel 2019 di andare in pensione alle lavoratrici dipendenti nate entro fine 1960 e alle autonome classe 1959″. Misure, conclude, “attese da milioni di italiani, rese possibili dal Movimento 5 Stelle e dal contratto di Governo”.