Quantcast

Montecchio, evasi i richiedenti asilo arrestati per spaccio: presi a Ventimiglia

Ai due era stato revocato il permesso di soggiorno e il rigetto della richiesta di protezione internazionale: ora saranno espulsi

MONTECCHIO (Reggio Emilia) – Sono evasi dagli arresti domiciliari e sono stati arrestati al confine con Ventimiglia i due richiedenti asilo nigeriani che erano finiti in manette il 19 marzo scorso a Montecchio dopo che erano stati trovati a spacciare marijuana nei pressi della scuola del paese. Prima dell’evasione ai due era stata notificata la revoca del permesso di soggiorno e il rigetto della richiesta di protezione internazionale.

I due, Samuel David 22 anni e Christian Bannor 32 anni, una volta saputo che gli era stato revocato il permesso di soggiorno, hanno deciso di evadere dai domiciliari rendendosi irreperibili. Ad accorgersi dell’evasione i carabinieri di Montecchio che, nel corso dei controlli mercoledì mattina, hanno verificato la fuga dei due richiedenti asilo.

Ieri pomeriggio la fine della fuga: i due nigeriani sono stati fermati al confine a Ventimiglia proprio grazie all’allerta diramato dai carabinieri di Montecchio. Ora si potrà procedere anche alla loro espulsione.