La Castelnovese-Meletolese e la strada verso la salvezza

La compagine gialloverde lotta per difendere la categoria: fondamentali le sfide con Viarolese e Bobbiese. Giampaolo Scansani: “Siamo grandi con le grandi e minuscoli con le piccole? Questione di testa. Crediamoci!”

CASTELNOVO SOTTO (Reggio Emilia) – Grande con le grandi, minuscola con le piccole. Negata per gli scontri diretti. La Castelnovese-Meletolese è davvero una squadra misteriosa, capace di alternare prestazioni di buon livello a partite da dimenticare.

La scorsa settimana, la squadra del direttore generale Giampaolo Scansani, ha fatto i conti col Brescello, una delle migliori formazioni del girone. Contro ogni pronostico la squadra gialloverde è riuscita a imbrigliare una delle favorite per il salto di categoria strappando un pareggio che, nella corsa ai play out, vale molto di più di 1 punticino. Abbiamo incontrato Scansani, storico dirigente del club gialloverde, per fare il punto della situazione.

Scansani, grandi con le grandi e piccoli con le piccole. Come mai?
Problema mentale, a volte perdiamo la fiducia e non riusciamo a farci valere negli scontri diretti. La squadra ha delle qualità importanti, vederla così in basso mi rattrista. Sapevamo di dover fare i conti con squadre di alto livello, ma mai mi sarei aspettato questa situazione di classifica.

La sensazione è che la qualità non manchi, col Brescello siete stati bravi
Con le grandi abbiamo una marcia in più, non capisco perché. Purtroppo, quando ti vuoi salvare, sono altre le partite da vincere e da giocare al massimo. Domenica scorsa, oltre al solito Attolini, tutti hanno fatto una grande partita, mostrando qualità importanti. Serve il medesimo approccio in ogni partita, domenica dopo domenica fino alla fine.

Crede ancora nella salvezza?
Certamente, ci toccherà passare dai play out. Siamo ancora padroni del nostro destino, spetta a noi decidere che strada prendere. Se daremo il massimo nulla è perduto.

Penalizzante il ripescaggio a fine mercato dalla Prima categoria alla Promozione
Eravamo pronti a disputare la Prima, ci siamo ritrovati a fare i conti con una Promozione di altissimo livello. Abbiamo fatto del nostro meglio e continueremo a fare del nostro meglio, da qui fino alla fine.

Scansani, cambiamo argomento: la prima squadra barcolla ma non molla. La Juniores invece vola altissimo
Siamo la miglior terza qualificata, accederemo alle finali con immensa gioia da parte di tutta la dirigenza. I nostri ragazzi sono stati formidabili. Sono partiti col freno a mano tirato, tutti ci etichettavano come una squadra da bassa classifica invece, partita dopo partita, abbiamo mostrato a tutti il nostro valore.

Abbiamo avuto l’onore di intervistare il capitano di questa squadra, Singh
Ragazzo d’oro. Indiano di nascita, ma per tutti è di Castelnovo Sotto al 100%. Vorrei avere 22 ragazzi così. Esempio di serietà e correttezza, uno su cui puoi sempre fare affidamento. Siamo molto felici di averlo con noi.

Applausi anche a Genitoni
Conosciamo il mister da tantissimi anni, è di casa. Ogni anno si ritrova con 20 ragazzi da assemblare, arrivano dal Progetto Intesa, dai prestiti delle squadre reggiane e dal mercato degli svincolati. Ha grandi doti umane e tecniche, ma la sua forza più grande è l’energia che riesce a trasmettere.

La strada verso la salvezza
Per guadagnare metri verso la salvezza sarà necessario non sbagliare le prossime due gare, due partite alla portata della nostra Castelnovese: domani sfida in trasferta con la Viarolese, squadra di Parma che naviga a metà classifica. La prossima settimana match fondamentale con la Bobbiese, in casa. Sfida con una diretta concorrente per la salvezza.