Elezioni, Salati: “Rivoluzionare la raccolta rifiuti”

Il candidato del centrodestra: "Servono i cassonetti interrati e intelligenti"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – “Cassonetti interrati e con codici a barre in dotazione ai residenti”. È la ricetta di Roberto Salati per la gestione dei rifiuti a Reggio Emilia. Secondo il candidato sindaco della societa’ civile sostenuto dalla coalizione di centro destra a trazione leghista, infatti, “la raccolta differenziata puntuale, come la intende il Comune di Reggio, si sta rivelando costosa e poco efficace. Questo e’ un dato di fatto”.

Si tratta, continua Salati, “di un sistema ormai antiquato, che deve essere sostituito da metodologie piu’ innovative, che spingano il cittadino a prendere coscienza della problematica rifiuti senza pero’ creargli disagi”. Pensando al prossimo futuro, quindi, “e’ necessario puntare ad un sistema di cassonetti elettronici apribili esclusivamente con sacchetti dotati di codice a barre personale in dotazione dei residenti. Cassonetti intelligenti che gia’ esistono e possono anche comunicare il livello di rifiuti presenti all’interno per effettuare il ritiro solo quando serve riducendo quindi i passaggi dei camion”.

In questo modo, dice il candidato sindaco, “il cittadino verra’ responsabilizzato rispetto alla problematica e si eviteranno scene di degrado a cui siamo fin troppo abituati”. Insomma, “la tecnologia esiste anche nella raccolta differenziata ma il Comune di Reggio preferisce tenere cassonettini di plastica e tanti camion diesel per la raccolta”, conclude Salati.

Più informazioni su