Pizzerie minacciate, Libera: “Non si neghi origine mafiosa”

L'associazione: "Reggio Emilia non deve abbassare la guardia o negare la loro origine criminale"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Sugli episodi di tentata estorsione avvenuti nei giorni scorsi nei confronti di quattro pizzerie, Reggio Emilia “non deve abbassare la guardia o negare la loro origine criminale”.

E’ il monito di Libera, secondo cui, sottolineano sia l’associazione reggiana che quella regionale, il processo Aemilia contro la ‘ndrangheta, “e’ stato un evento di portata eccezionale e che non deve solo essere una parentesi nella storia di Reggio, ma servire da lezione e da chiave di lettura per altri fatti criminali”.

Ancora oggi invece “si leggono troppe semplificazioni sulla reale presenza mafiosa sul territorio e avvenimenti come questi atti di violenza e i precedenti roghi dolosi avvenuti dall’inizio dell’anno in provincia”, denuncia libera.

Più informazioni su