Quantcast

Pilomat, Poma: “Sono regolari, mai chiesto documentazione”

Il comandante della Municipale: "Quando si avviò la fase di realizzazione del progetto, fra l'altro, ero nche dirigente ad interim del servizio Mobilita'"

REGGIO EMILIA – “È priva di fondamento la ‘voce’, circolata oggi, secondo la quale riterrei e sosterrei che sia illegittima la collocazione dei nuovi pilomat a tutela dell’area pedonale integrata di Reggio Emilia”, smentisce il comandante della polizia municipale, Stefano Poma, che risponde al candidato del centrodestra, Roberto Salati, il quale aveva scritto che “il comandante della municipale Poma ha chiesto all’assessore Tutino delucidazioni e documenti riguardanti la chiusura di alcune strade”.

“Ed e’ altrettanto infondato il fatto che io abbia chiesto documentazioni ad altri settori dell’amministrazione comunale, al fine di accertare se esistano irregolarita’ sui punti di installazione prescelti”. Tanto piu’ che, sottolinea Poma, “quando si e’ avviata la fase di realizzazione del progetto dell’area pedonale integrata e quindi sono iniziati i lavori di installazione dei pilomat, oltre che comandate della Polizia locale chiamato a partecipare con altri tecnici al percorso di attuazione, ero anche dirigente ad interim del servizio Mobilita’, soggetto titolato alla realizzazione della nuova rete pilomat”.

L’installazione dei dissuasori, conclude il comandante “e’ stata per altro oggetto di confronti e approfondimenti dei servizi tecnici del Comune e del personale dell’azienda fornitrice, competenti nelle diverse fasi di realizzazione del progetto”.