Imprese, aziende artigiane in calo anche nel 2018

Meno 213 unità: trend negativo da dieci anni, ma i servizi crescono

REGGIO EMILIA – Nel 2018 per le imprese artigiane di Reggio Emilia non si e’ interrotto il trend che le vede in calo da dieci anni. A fronte delle 1.350 realta’ che hanno aperto l’anno scorso, sono state infatti 1.563 le aziende che hanno chiuso i battenti, con una diminuzione quindi di 213 unita’.

Lo registra la Camera di commercio reggiana, sottolineando che il numero degli artigiani in provincia e’ oggi sceso a quota 18.641, registrando una flessione dell’1,8%, mentre nel 2007, anno in cui hanno raggiunto la consistenza maggiore, erano 22.653. Alcuni comparti hanno pero’ mostrato una certa dinamicita’, in particolare nell’universo dei servizi.

Pur di poco sono infatti cresciute le aziende di servizi alle imprese, e alla persona (in particolare svolgono attivita’ di assistenza sociale non residenziale), come pure barbieri, parrucchieri ed istituti di bellezza. I settori che rappresentano la quota maggiore dell’artigianato della provincia di Reggio Emilia, ovvero le costruzioni (48,1% del totale artigiani) e il manifatturiero (22,7%), sono invece ancora in sofferenza.

In dettaglio l’edilizia registra un calo di 251 unita’- scendendo cosi’ a 8.971 imprese (meno 2,7%)- mentre il manifatturiero, con una flessione dello 0,7%, e’ passato da 4.268 a 4.240 aziende.