Distribuzione cooperativa, c’è l’accordo sul contratto

Riguarda 65mila dipendenti e prevede un aumento retributivo a regime di 65 euro lordi

REGGIO EMILIA – Dopo una lunga e complessa trattativa durata 5 anni, è stato siglato, da parte delle Associazioni Cooperative Ancc-Coop, Confcooperative consumo e utenza, Agci Settore consumo e le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil, l’accordo di rinnovo della parte economica del contratto nazionale di lavoro  per i dipendenti da imprese della distribuzione cooperativa.

L’accordo prevede un aumento retributivo a regime di 65 euro lordi (di cui 50 euro da febbraio e la restante parte a luglio) al quarto livello riparametrati e riproporzionati ed una indennità una tantum di 1.000 euro (di cui 500 euro a febbraio 2019 e il resto a marzo 2020).

Le parti hanno inoltre concordato di investire sul welfare aziendale aumentando il contributo a carico delle cooperative per il consolidamento e il miglioramento delle prestazioni sanitarie. L’accordo prevede un incremento di 48 euro all’anno per i lavoratori a tempo parziale e di 12 euro all’anno per i lavoratori a tempo pieno.
Le parti hanno convenuto inoltre di lasciare inalterate le altre norme contrattuali vigenti pur se più onerose per le imprese cooperative.

Il commento di Stefano Bassi, Presidente Ancc-Coop (Associazione Nazionale Cooperative di Consumatori): “Siamo soddisfatti innanzitutto perché l’accordo raggiunto nel dare risposte concrete ai lavoratori consente un importante risparmio strutturale sui costi aziendali, consolida e migliora le prestazioni di assistenza sanitaria erogate dal Fondo Coopersalute e garantisce un presidio territoriale nelle aree marginali. Tutto ciò conferma la distintività anche contrattuale della cooperazione dei consumatori rispetto altre insegne della grande distribuzione. Un ringraziamento particolare alla delegazione trattante e a quanti hanno sostenuto le posizione della cooperazione di consumatori”.

La cooperazione di consumatori è uno dei grandi datori di lavori dell’economia nazionale, occupa oltre 65.000 dipendenti delle cooperative di consumatori, circa 2 miliardi di retribuzioni e oneri sociali versati, più del 94% i contratti di lavoro a tempo indeterminato, oltre 17 milioni le risorse investite in percorsi formativi.