Correggio, rapinatore “tradito” dall’alcol: arrestato

Ai domiciliari per rapina, il 33enne di San Martino in Rio era evaso: ricercato da alcuni giorni è stato preso ieri dopo essere stato colto da malore perché aveva bevuto troppo

CORREGGIO (Reggio Emilia) – Ai domiciliari per una rapina commessa ai danni di una cartoleria di Correggio , da qualche giorno aveva fatto perdere le sue tracce evadendo dai domiciliari e rendendosi irreperibile. La sua fuga è finita ieri pomeriggio quando i carabinieri di San Martino in Rio e Correggio sono intervenuti in un bar del comune correggese per prestare i soccorsi a un uomo riverso a terra privo di sensi.

Quell’uomo, un 33enne di San Martino in Rio, era l’evaso che, da qualche giorno, i carabinieri di San Martino in Rio ricercavano. Era completamente ubriaco e, per questo, è stato colto da malore e si è accasciato a terra. Dopo essere stato soccorso dai carabinieri di San Martino in Rio e Correggio, che gli hanno assicurato le cure mediche, l’uomo è stato arrestato con l’accusa di evasione.

Era ai domiciliari perché la sera del 19 gennaio scorso aveva commesso una rapina: con il volto parzialmente coperto da uno scaldacollo ed armato di coltello, era entrato in una cartolibreria di Correggio e, sotto la minaccia dell’arma, dopo aver minacciato la commessa si è impossessato della somma contenuta nella cassa, ammontante ad oltre 500 euro, dileguandosi.