Quantcast

Confcooperative, uno sportello per i migranti delle coop

Attivo a Reggio da marzo: aiuterà con le pratiche di soggiorno

REGGIO EMILIA – Uno sportello di sostegno ai lavoratori immigrati impiegati nelle cooperative. E’ il nuovo servizio gratuito che Confcooperative attivera’ a Reggio Emilia nella sua sede, a partire dal prossimo 1° marzo. Realizzato in collaborazione con la Federazione diocesana servizi agli anziani e la cooperativa di logistica Csl, il servizio sara’ gestito dalla cooperativa Dimora d’Abramo e offrira’, innanzitutto, orientamento e consulenza legislativa in materia d’immigrazione.

A questi si associano l’istruzione e la supervisione delle pratiche giuridico-amministrative a sostegno dell’inclusione sociale del lavoratore e della sua famiglia (permesso e carta di soggiorno, cittadinanza italiana, ricongiungimento familiare, visti d’ingresso, procedimenti in ambito lavorativo, delle prestazioni amministrative e socio-sanitarie e degli organismi di controllo) e, infine, la supervisione delle scadenze dei titoli di soggiorno e la presa in carico delle pratiche di rinnovo e delle relazioni necessarie con le diverse realta’ istituzionali.

“In tutti i comparti produttivi e di servizio – sottolinea il direttore servizi di Confcooperative, Vanni Ceccardi – sono ormai migliaia i lavoratori immigrati presenti nelle cooperative, e per molti di loro non e’ agevole acquisire informazioni e assistenza su pratiche amministrative relative al percorso migratorio e/o il mantenimento dei requisiti di legalita’ e regolarita’ necessari per la permanenza nel territorio”.

Da qui, prosegue Ceccardi, “l’attivazione di un servizio che risponde anche alle diverse esigenze anche delle tante imprese che, soprattutto nel campo dei servizi, delle costruzioni e dell’agricoltura, si misurano con la necessita’ di supportare i lavoratori stranieri e, spesso, non dispongono di competenze sufficienti”.