Fiere, deserta l’ultima asta: capannoni in vendita a 9,1 milioni

La prossima seduta della gara e' fissata per il 27 febbraio con un ribasso d'asta del 13%

REGGIO EMILIA – Scende ancora il valore dei capannoni delle fiere di Reggio Emilia, societa’ in liquidazione, messi in vendita su disposizione del commissario giudiziale Tiziana Volta. Dopo la prima seduta dell’asta pubblica che il 18 dicembre dell’anno scorso e’ andata deserta, anche alla nuova “chiamata” rivolta a potenziali acquirenti, convocata oggi in Tribunale, non si e’ presentato nessuno.

Sono in tutto quattro le sedute dell’asta che possono essere indette e l’impressione e’ che, chi interessato, si fara’ avanti solo all’ultimo momento per spuntare il miglior prezzo possibile per i capannoni di via Filangeri. Il prezzo di base dell’asta, infatti, era gia’ stato ribassato a dicembre del 20%, scendendo da 13,2 a 10,5 milioni. Oggi e’ stato deciso un ulteriore ribasso del 13%, che porta il valore degli immobili a circa 9,1 milioni.

Un numero molto lontano da quello della perizia iniziale, che stimava il valore degli edifici del complesso fieristico in 22 milioni. A spiccare nelle due aste gia’ andate deserte e’ soprattutto l’assenza di Terminal one, la cordata di imprenditori locali che si e’ aggiudicata per il secondo anno consecutivo (fino alla fine del 2019) la gestione delle manifestazioni e l’utilizzo, tramite affitto, dei capannoni. La stessa societa’, nei mesi scorsi, aveva infatti sollecitato fortemente l’apertura della gara per l’acquisto delle fiere, dichiarandosi interessata all’operazione.

Ora resta invece alla finestra in attesa di capire se gli immobili scenderanno ancora di prezzo. La prossima seduta della gara e’ intanto fissata per il 27 febbraio.