Bagnolo, ragazza violentata: arrestato un 45enne

In manette un marocchino che avrebbe abusato di una ventenne reggiana incinta di cinque mesi in un appartamento. Si cerca il connazionale che avrebbe partecipato alle violenze

BAGNOLO (Reggio Emilia) – Le ha offerto un passaggio in auto e poi l’avrebbe violentata. Protagonisti della brutta vicenda, avvenuta alla periferia di Reggio, sono una ragazza di 23 anni residente in un Comune della Bassa e un marocchino di 45 anni, che e’ stato arrestato dai carabinieri. In carcere, deve rispondere delle accuse di sequestro di persona e violenza sessuale aggravata.

I fatti risalgono a settembre dello scorso anno quando la vittima, allora incinta di cinque mesi, dopo aver trascorso la serata in un ristorante con degli amici, si era spostata con loro in un bar. Qui aveva poi deciso di tornare a casa, mentre gli amici sono andati a ballare. A offrirsi di accompagnarla il 45enne, che la giovane conosceva di vista, perche’ cliente abituale dello stesso bar che frequentava.

Salita in macchina, la ragazza e’ stata pero’ costretta a girovagare, facendo di tanto in tanto sosta in qualche bar, per poi essere condotta in un appartamento dove avrebbe subito lo stupro. A partecipare alle violenze ci sarebbe stato anche un connazionale del nordafricano, caricato in auto durante il tragitto.

Dopo la violenza, la giovane e’ stata riportata nel bar dove era stata lasciata in precedenza dagli amici e qui raggiunta dai genitori che si sono recati con lei prima dai carabinieri e poi in ospedale.

Le indagini subito avviate dai militari si sono concentrate presto sul 45enne, per il quale la Procura reggiana ha chiesto e ottenuto dal Gip del tribunale un provvedimento restrittivo cautelare. Ora si cerca ancora il secondo uomo. La ragazza, nel frattempo, ha partorito ed è felice per la nascita del bambino, ma quello che le è accaduto è stato veramente terribile.