Via Turri, il vescovo: “Grande responsabilità verso queste persone”

Monsignor Camisasca chiede una "risposta corale che impegni tutta la comunità" per risolvere i problemi della stazione

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – “La situazione è critica, di non facile soluzione. Mi appello a tutti: residenti, proprietari degli immobili, forze dell’ordine e istituzioni affinché si prenda coscienza che abbiamo tutti una grande responsabilità nei confronti di queste persone”. Sull’incendio nelle cantine del condominio di via Turri che ha provocato la morte di due persone e 38 intossicati interviene il vescovo di Reggio, Massimo Camisasca.

Scrive Camisasca: “Esprimo il mio profondo dolore per il tragico rogo avvenuto questa notte. Sono vicino nella preghiera alle vittime, che lasciano due figli orfani, ai loro famigliari, alle due bimbe che lottano per la vita in queste ore e ai loro genitori, ai feriti e alle decine di persone sfollate. Proprio alcuni mesi fa ho incontrato i residenti di questa zona in occasione della visita pastorale e ho potuto riscontrare in prima persona le enormi difficoltà che vive il quartiere”.

Conclude il vescovo: “Come vescovo confermo l’impegno di tutta la Chiesa Reggiana a sostenere, per quanto possibile, i più deboli e bisognosi. È davvero indispensabile che, di fronte a simili tragedie, ci sia una risposta corale che impegni tutta la comunità”.

Più informazioni su