Vecchi si ricandida: “Progettiamo la Reggio del 2030” foto

Il sindaco oggi alla Fondazione della danza: "In questi mesi apriremo dei laboratori tematici aperti a tutti. Nei prossimi 10 anni Reggio sarà una capitale green". Sicurezza: "Aumenteremo l'organico della Municipale di 30 unità"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – “Ho vissuto questi 5 anni in modo totalizzante. La citta’ e’ stata la mia seconda famiglia e ora ho preso una decisione che e’ stata un travaglio, ma anche un onore: quella di mettermi a disposizione per guidare di nuovo la mia citta’”. Lo dice Luca Vecchi, sindaco di Reggio Emilia, annunciando in via ufficiale la decisione di correre per un secondo mandato alle elezioni amministrative del 2019.

“Iniziamo una nuova storia, un nuovo viaggio, un nuovo progetto per la citta’ del domani, la Reggio Emilia del 2030”, aggiunge il sindaco che alla Fondazione della danza parla per ultimo, dopo gli interventi di esponenti della societa’ civile. Poi Vecchi rimarca: “Non faro’ tutto da solo” e apre uno spiraglio di dialogo anche alle opposizioni quando dice: “In questi mesi apriremo dei laboratori tematici aperti a tutti, perche’ qui non c’e’ da fare un programma elettorale, ma un patto con la citta’, un progetto non contro qualcuno, ma per qualcosa”.

Quindi “senza pregiudizi chiunque vorra’ essere protagonista di questo cammino trovera’ la nostra disponibilita’ all’ascolto. Diamo fiducia alla citta’ e la chiediamo”. Un altro tasto caro ai pentastellati battuto da Vecchi e’ quello dell’ambiente. “Nei prossimi 10 anni dobbiamo affrontare la sfida ecologica e candidare Reggio ad essere una capitale green”.

Videointervista da Teletricolore

Sul tema della sicurezza Vecchi ribadisce: “Non e’ una promessa elettorale dire che in due anni potremmo anche aumentare l’organico della municipale di 20 o 30 unita’, ma la sfida non si vince solo sul fronte dell’ordine pubblico”. Conclude infine il sindaco: “Comincia una nuova corsa e noi partiamo con lo spirito del maratoneta: per vincere”.

Più informazioni su