Rubiera, rubati 50 computer nelle scuole Fermi e De Amicis

Il sindaco: "Un atto orribile, preparato con cura". Raccolta fondi per ricomprarli

Più informazioni su

RUBIERA (Reggio Emilia) – Rubati ben 50 computer, nella notte fra venerdì e sabato, alle scuole elementari De Amicis e alle medie Fermi di Rubiera. Colpite soprattutto le medie di via Prampolini, che ha molte aule attrezzate con lavagne multimediali. Il danno sarà quantificato solo lunedì, ma è comunque elevato. Bisogna anche aggiunger i danni agli arredi e alle porte interne,alcune delle quali sono state sfondate. Le indagini sono a cura dei carabinieri di Rubiera.

Scrive su Facebook il sindaco Emanuele Cavallaro: “Un atto orribile, preparato con cura. Mi auguro che prendano chi ha rubato ai nostri bambini e ragazzi. E mi auguro che i loro nomi diventino presto noti, per ben rivolgere l’adeguato disprezzo che meritano. Ma, per ora, l’urgenza è fare in modo che il lavoro nelle nostre scuole possa continuare nel migliore dei modi, nonostante questo sfregio. Siamo al lavoro per uno stanziamento straordinario che consenta di ripristinare le cose: chiedo a chi ha idee e possibilità di dare una mano, di farsi vivo. Già in diversi lo stanno facendo. Lunedì faremo il punto di ciò che serve e di ciò che abbiamo trovato. Dimostriamo che una comunità onesta non si arrende. E speriamo che ad ogni livello si capisca che siamo stanchi ed arrabbiati”.

Aggiunge Cavallaro: “Per esempio, è un anno che chiediamo invano di poter connettere il nostro sistema di telecamere al 112: forse è ora che chi di dovere ci risponda. La burocrazia costa cara”.

Intanto il Comune ha deciso un primo stanziamento immediato di diecimila euro per ricomprare i computer, Ovviamente questi soldi non bastano e per questo un comitato di genitori si è già attivato per raccogliere fondi. Si può inviare una donazione all’Iban IT13W0834066470000000380261 intestato a “Genitori scuola di Rubiera”. Nella causale specificare: “Contributo volontario furto pc”.

Più informazioni su