Rubiera, il prefetto sospende il blocco del traffico

"Serve tempo per individuare un percorso alternativo". La misura, per quel che riguarda i mezzi più inquinanti, doveva scattare lunedì 10 dicembre

RUBIERA (Reggio Emilia) – Il prefetto Maria Grazia Forte ha sospeso l’ordinanza del Comune di Rubiera che da lunedì prevedeva il blocco della circolazione per i mezzi più inquinanti sul tratto della via Emilia che attraversa il paese. Lo comunica il sindaco Cavallaro che, su Facebook, scrive: “L’ordinanza 247, che da lunedì prevedeva il blocco per i mezzi più inquinanti su viale Matteotti, è sospesa. Entrerà in vigore più avanti. Permangono infatti le motivazioni che hanno portato ad emetterla, ma ci hanno chiesto di attendere per predisporre le cose – anche fuori dal nostro territorio – in sicurezza”.

Nel corso di una riunione in prefettura, tenutasi venerdì scorso, con la partecipazione del Comune di Rubiera, della Provincia, del Comune di Reggio Emilia, della Questura e della Polizia Stradale, del Comando Provinciale Carabinieri, di Anas, di Autostrade per l’Italia SpA, sono infatti emerse preoccupazioni da parte delle associazioni degli autotrasportatori e la Polizia Stradale ha evidenziato l’esito dei sopralluoghi – condotti in passato – con l’individuazione di un tracciato alternativo con le caratteristiche necessarie.

Il prefetto ha comunicato al Comune di Rubiera che serve “tempo per individuare un percorso alternativo” e quindi bisogna “differire l’efficacia del provvedimento” per individutare “il citato percorso” e collocare “l’apposita cartellonistica” e acquisire “i pareri degli enti proprietari delle strade sulle quali graverà il traffico deviato”.

Nel corso della riunione in prefettura la società Autostrade ha dato disponibilità ad accogliere eventuali flussi di traffico aggiuntivi, a collaborare attraverso la segnaletica luminosa, rimandando ad altri livelli tematiche rispetto all’esenzione del pedaggio per i mezzi pesanti, confermando che in altri casi la società ha predisposto un forfait che è stato poi sostenuto da diversi Enti. I soggetti presenti alla riunione hanno manifestato la volontà di collaborare, per le rispettive competenze, alla risoluzione delle criticità emerse.

Continua Cavallaro: “Anche i recenti dati raccolti sulla qualità dell’aria confermano le motivazioni alla base dei provvedimenti dell’ord.247, che mantiene la propria attualità. Pare tuttavia comprensibile operare per garantire al massimo la sicurezza stradale e l’impatto della stessa sul sistema dei trasporti anche al di fuori di Rubiera”.

Conclude il sindaco: “Ci attiveremo presso gli Enti interessati affinchè si adoperino con celerità per darci la possibilità di dare esecuzione all’ordinanza – che era già stata trasmessa un mese fa”.