Quantcast

Gite scolastiche, un pullman controllato su quattro è irregolare

I dati della Polstrada: calano i morti e i feriti in incidenti stradali

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Sulle strade reggiane calano morti e feriti. Lo conferma la Polizia stradale, rendicontando questa mattina alcune delle attivita’ svolte dal reparto – in servizio ci sono 73 agenti – con particolare riferimento all’educazione stradale. In dettaglio, a giugno di quest’anno, sono avvenuti in provincia di Reggio Emilia 749 incidenti, in cui otto persone hanno perso la vita e 938 riportato lesioni.

Nei 1.643 sinistri dell’anno scorso, invece, i morti erano stati 24 e i feriti 2.123. Numeri questi inferiori ai dati del 2016, che ha registrato 1.886 incidenti stradali, con 34 morti e 2520 guidatori feriti. Le principali cause restano l’elevata velocita’ e la distrazione alla guida.

Tra le attivita’ illustrate dal comandante della Polstrada Ettore Guidone anche il controllo dei pullman in partenza per le gite scolastiche: circa 100 quelli ispezionati quest’anno, di cui 25 risultati irregolari in fatto di gomme lisce, cinture di sicurezza difettose o assenti, o perche’ gli autisti non erano in regola con gli obblighi della normativa sui turni di riposo.

Quanto all’educazione stradale, “non si tratta di un’attivita’ irrilevante perche’ la sicurezza stradale non si migliora solo facendo multe” spiega Guidone. Il comandante informa poi che nel 2018 sono stati “formate” alla guida sicura circa 5000 persone tra cui studenti (1.500), dipendenti di Enel e delle Poste e volontari delle associazioni Croce Verde e Rossa. Nel 2015, i partecipanti ai corsi erano stati solo 1.500.

Più informazioni su