Quantcast

Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Terremoto 4.8 sull’Etna, paura e danni: 600 sfollati

Sono 28 i feriti. Alle 3:19, ipocentro a solo 1 km di profondità. Crolli in case e chiese tra Fleri e Zafferana. Una famiglia: "Vivi per miracolo". Vertice in prefettura con il capo della Protezione Civile Borrelli. Ingv: "Una sismicità che non lascia tranquilli". Domani la visita di Di Maio

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Feriti, crolli e danni, gente in strada e tanta paura per una scossa la scorsa notte di magnitudo 4.8 sull’Etna, la più intensa da quando il vulcano ha ripreso la sua attività eruttiva tre giorni fa. Il sisma si è verificato alle 3:19 ad una profondità di solo un chilometro. Sono seicento gli sfollati per il terremoto di magnitudo 4.8 che la notte scorsa ha colpito sei paesi etnei. E’ il dato emerso dalle richieste presentate alla Regione Siciliana che ha redatto un convenzione con Federalberghi per poterli ospitare in strutture turistiche. Altre persone che, pur non vivendo in case dichiarate inagibili, hanno paura a rientrare a casa saranno ospitate in palazzetti dello sport dove potranno trascorrere la notte.

I crolli hanno interessato circa 15 abitazioni private ed anche alcune chiese: in quella della Maria Santissima del Carmelo di Pennisi, frazione di Acireale, sono venuti giù il campanile e la statua di Sant’Emidio, protettore dei terremoti, e danni si sono registrati nella Chiesa madre di Aci Sant’Antonio. I paesi più colpiti sono Zafferana Etnea, Acireale, Aci Sant’Antonio, Aci Catena, Aci Bonaccorsi e Santa Venerina.

A Fleri una famiglia si è salvata “per miracolo”, ripetono, nonostante il crollo dell’abitazione. Dopo le verifiche è stato riaperto al traffico il casello di Acireale, sull’autostrada Messina-Catania mentre l’aeroporto di Catania resta pienamente operativo. Per cinque ore, dalle 3.20 -subito dopo l’evento sismico- e le 8.50, c’è stato uno stop della circolazione ferroviaria sulle linee Messina-Siracusa e Catania-Palermo.

Ventotto le persone che hanno fatto ricorso alle cure mediche: dieci soccorse dalle ambulanze, 18 si sono recati negli ospedali. Il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha convocato il Comitato operativo e fatto un sopralluogo nella zona interessata dal sisma. Poi un vertice in prefettura a Catania con il sindaco e i primi cittadini dei comuni interessati.

La scossa di stamane era stata preceduta da uno sciame sismico iniziato verso mezzanotte, una sismicità che secondo il direttore dell’Ingv di Catania, Eugenio Privitera “non lascia tranquilli” e che ricorda “quella dell’ottobre del 1984 che provocò un morto a Zafferana Etnea, è sempre la faglia di Fiandaca, che quando si muove è pericolosa”. Privitera esclude però il collegamento con la recente attività dello Stromboli “perché appartengono a due contesti geodinamici diversi”.

Il vicepremier Luigi Di Maio, annuncia su Facebook, domani sarà “nel catanese per incontrare i cittadini e le autorità locali”. Matteo Salvini ringrazia in un tweet “gli oltre 100 pompieri che stanno lavorando da stanotte”.

Più informazioni su