Minacciano e aggrediscono barista e clienti: denunciati

Sono entrati in un bar di Correggio già alticci: dopo aver scolato alcune bottiglie di prosecco volevano bere ancora. Di fronte al rifiuto dell'esercente sono diventati violenti

CORREGGIO (Reggio Emilia) – Sebbene “alticci” pretendevano di poter consumare altri alcolici e, quando il barista gli ha detto che non potevano più bere, sono andati su tutte le furie. Prima hanno minacciato l’esercente e poi lo hanno colpito con uno schiaffo, non risparmiando nemmeno un cliente colpevole di aver dato l’allarme ai carabinieri.

Tre dei quattro uomini erano riusciti ad allontanarsi, ma, grazie alle riprese del sistema di videosorveglianza del bar, sono stati identificati dai carabinieri di Correggio e sono stati denunciati per minaccia aggravata e violenza privata. Hanno, rispettivamente, 48, 31 e 34 anni e sono tutti residenti a Correggio. Secondo quanto hanno ricostruito i militari, i quattro uomini erano entrati un bar del paese dove, dopo aver consumato alcune bottiglie di prosecco, visibilmente “alticci” hanno preteso di bere ancora.

Quando la moglie del barista gli ha detto che non potevano più bere altro vino, sono andati su tutte le furie, tanto che lo stesso barista è stato costretto ad intervenire invitandoli ad uscire dal locale. Sebbene colpito da uno schiaffo datogli da uno dei quattro, il barista, grazie anche ad altri avventori, è riuscito a far uscire gli uomini che, poco dopo, rientravano. Uno di loro lo avvicinava alla cassa minacciando di distruggergli il locale se non gli avesse dato da bere.

Data la situazione che si era venuta a creare un cliente, con il cellulare, ha chiamato i carabinieri. I quattro, quando hanno capito che stavano arrivando i militari, hanno desistito dalle minacce, ma uno dei quattro, prima di uscire, ha colpito con uno schiaffo il cliente che aveva dato l’allarme e poi si è allontanato. I quattro sono riusciti a dileguarsi. I carabinieri hanno iniziato le indagini e, grazie al sistema di videosorveglianza del bar, hanno identificato 3 dei quattro clienti che sono stati denunciati per concorso in violenza privata e minaccia aggravata.