Unimore, nell’ex seminario nuove aule e alloggi per studenti

Intesa siglata tra Comune, diocesi e università. Per ristrutturare l'ex seminario servono 10 milioni, che in buona parte giungeranno dai privati. I lavori dovrebbero partire il prossimo giugno per concludersi nel 2020

REGGIO EMILIA – Il vecchio seminario di Reggio Emilia, costruito negli anni ’50 per ospitare 250 aspiranti sacerdoti, si prepara a cambiare destinazione d’uso per diventare una nuova sede universitaria. E’ tutto nero su bianco nel protocollo siglato oggi tra Comune, Diocesi e universita’, che prevede nell’edificio di viale Timavo 17 aule per 1.300 studenti e uno studentato da 120 posti.

Per ristrutturare l’ex seminario servono 10 milioni, che in buona parte giungeranno dai privati. Otto le aziende che hanno gia’ garantito il sostegno, altre 30 stanno valutando di contribuire. I lavori dovrebbero partire il prossimo giugno per concludersi nel 2020.

Quello che viene gia’ definito “il terzo polo” dell’ateneo reggiano dara’ ossigeno alla sede universitaria che conta oggi circa 8.000 studenti, cresciuti di 3.000 unita’ negli ultimi quattro anni. Un ritmo di crescita che impone la ricerca di nuovi spazi per la didattica.