Le rubriche di Reggiosera.it - Editoriali

Smog, siamo alle comiche: quando la politica non sa decidere

Manca, da parte dei governanti, la capacità di prendere decisioni nette, magari anche impopolari, di lungo periodo, su temi importanti come la salute dei cittadini

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Sulle misure antismog in Emilia siamo oramai alle comiche. Ci sarebbe da ridere, se non ci fosse da piangere, appunto, perché la salute dei cittadini è una cosa seria. Andiamo per ordine. Prima, a nostro parere giustamente, la Regione Emilia-Romagna allarga lo stop ai diesel euro 4 che sono fra i mezzi più inquinanti in circolazione.

Poi, sommersi dalle inevitabili e prevedibili proteste, di associazioni di categoria e cittadini e considerando che le elezioni sono alle porte, il Pd e i suoi alleati decidono che, insomma, forse questi soggetti hanno ragione e tolgono il blocco ai diesel euro 4. Infine, visto che i diesel euro 4 circolando inquinano (e d’altronde lo avevano fatto notare anche le forze di governo in Regione, ndr), le pm10 si alzano e quindi costringono i Comuni a mettere di nuovo il blocco a questa categoria di veicoli.

Quello che manca, spiace dirlo, è la capacità da parte di una classe politica (di qualsiasi colore, per carità) in questo Paese di prendere decisioni nette, magari anche impopolari, di lungo periodo. L’allarme inquinamento è una di queste. Una politica responsabile dovrebbe mettere in primo piano, prima di tutto, la salute dei cittadini. I diesel euro 4 inquinano? Bene. Se ne proibisca la circolazione e, nello stesso tempo, si mettano sul piatto incentivi per cambiarli. Ma non si fa retromarcia, dopo aver preso una decisione, perché si temono le urne e l’impopolarità del provvedimento.

Il tutto, inoltre, condito dal tipico lassismo all’italiana con i vigili che non fanno i controlli e che, per carità, non elevano multe o ne appioppano pochissime. Perché, si capisce, anche questo è impopolare. E così, mentre dalla Danimarca arriva la notizia che dal 2030 non potranno più essere vendute nuove auto diesel e benzina, ma solo ibride, elettriche e a idrogeno e dal 2035 sarà vietata la vendita anche di nuove auto ibride, qui in Italia stiamo ancora discutendo se far circolare o no i diesel euro 4.

Ecco, questa è la politica vera. Darsi un obiettivo a lungo periodo, trovare i soldi per finanziarlo e non temere l’impopolarità. Per il benessere dei cittadini e delle future generazioni. Il contrario di quello che avviene in Italia.

Più informazioni su