L’ispettore Arigò va in pensione dopo 43 anni di servizio

Ha guidato per molti anni il nucleo investigativo dei vigili del fuoco, è stato nominato cavaliere della Repubblica nel 2005 e premiato in più occasioni per il suo valore

REGGIO EMILIA – Dopo 37 anni di servizio (43 in totale) al comando dei vigili del fuoco di Reggio Emilia, lo scorso luglio, il funzionario tecnico Rosario Arigò, ha lasciato è andato in pensione. Arigò ha guidato per molti anni il nucleo investigativo dei vigili del fuoco, è stato nominato cavaliere della Repubblica nel 2005 e premiato in più occasioni per il suo valore.

“Da amico, prima che da comandante provinciale – scrive il comandante Salvatore Demma – ho sempre apprezzato il suo spirito leale con il quale ha anteposto il dovere istituzionale ai propri convincimenti”.

E ancora: “Ritengo che nessuno tra quelli che svolgono servizio a Reggio Emilia, o che lo abbia svolto nel passato e oggi in quiescenza, possa dire di non avere imparato qualcosa dal dottor Arigò. È per questo che, certo di interpretare i sentimenti di tutti, rivolgo al collega ed amico “Pompiere” Rosario un sentito ringraziamento per quanto ci ha dato con il suo impegno e il suo esempio, con l’affettuoso augurio che la sua vita a riposo possa essere una “sinfonia” come lo è stata la sua vita attiva”.