Quantcast

Ambiente, troppo smog: Reggio perde 10 posizioni

La nostra città scende al 24esimo posto nella classifica pubblicata oggi sul Sole 24 Ore

REGGIO EMILIA – Reggio scende al 24esimo posto e perde dieci posizioni nella classifica Ambiente urbano realizzata da Legambiente con Ambiente Italia e pubblicata oggi sul Sole 24 Ore. Parma sale sul secondo gradino del podio, guadagnando due posizioni. Bologna, invece, si piazza al decimo posto scalando ben 12 piazze. E poi c’e’ Modena, ultima della province emiliano-romagnole al 65esimo posto, in discesa di 11 posizioni. Rimini, infine, al sedicesimo posto in salita di tredici posizioni rispetto all’anno scorso.

Le prime cinque in classifica sono, nell’ordine, Mantova, Parma, Bolzano, Trento e Cosenza guidano la classifica del rapporto di Legambiente sulle performance ambientali delle citta’ italiane.

Peggio di Reggio, in Regione, fanno Ferrara 38esima (-10), Forli’ 41esima (-11), Ravenna 44esima (-6) e Piacenza 58esima (-12). Parma svetta per la gestione dei rifiuti e per la percentuale di raccolta differenziata, posizionandosi tra le migliori cinque province italiane. Bologna (l’unico capoluogo di regione nelle prime 10 posizioni) viene premiata tra le prime cinque province italiane per il trasporto pubblico e per la quota di passeggeri sui bus in base al numero di abitanti (279). Rimini, Piacenza e Ravenna sono tra le cinque citta’ peggiori per quantita’ di rifiuti prodotta per abitante (rispettivamente 737, 748 e 774). Anche Modena ha il suo primato positivo, nonostante la bassa posizione in graduatoria: e’ la prima provincia per verde urbano con 108 alberi ogni 100 abitanti.

“I dati penalizzanti della nostra città – dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – restano quelli legati alla qualità dell’aria, con una media annuale delle PM10 di 36,5 microgrammi/mc, i valori di Ozono e Biossido di azoto, testimoniati da un parco veivoli circolanti molto esteso a fronte di una leggera ripresa del trasporto pubblico, che però resta molto timida, se paragonata la dato del 1996 che era di 98 viaggi/abitante/anno. Questo dato va di pari passo con l’offeta di trasporto pubblico, che è di 26 km-vettura/abitante/anno, al pari di Modena, a ben sotto il valore di 40 di Parma”.