Aemilia, in sentenza primo grado sconti ai pentiti

Per Muto e Valerio condanne dimezzate rispetto alle richieste dei pm

REGGIO EMILIA – Le loro dichiarazioni hanno forgiato gran parte delle tesi dell’accusa e sono stati ritenuti attendibili. Per questo i due “pentiti” del processo Aemilia contro la ‘ndrangheta Salvatore Muto e Antonio Valerio hanno ricevuto nella sentenza di primo grado un consistente sconto di pena rispetto agli anni di carcere inzialmente chiesti dalla Procura.

In particolare per Valerio erano stati chiesti 15 anni e 10 mesi nel rito ordinario piu’ 10 anni in quello abbreviato. Grazie anche ai benefici di legge per chi collabora con la giustizia la condanna e’ di sei anni e due mesi per i reati contestati in ordinario e cinquer anni per l’abbreviato. Salvatore Muto, che assolto nel rito ordinario rischiava otto anni di carcere nel rito abbreviato, e’ stato invece condannato in quest’ultimo a quattro anni e otto mesi (fonte Dire).