Torna Onda Rossa, la festa provinciale di Articolo Uno-Mdp foto

Tre giornate a Campagnola all’insegna della politica e della buona cucina. Tra gli ospiti anche Pier Luigi Bersani. Focus su lavoro, welfare

CAMPAGNOLA (Reggio Emilia) – Torna Onda Rossa, seconda festa provinciale di Articolo Uno – Mdp, in programma da domani venerdì 20 settembre a domenica 22 alla Sala 2000 di Campagnola Emilia, in via Anna Magnani 1. Tre giorni all’insegna dei dibattiti politici e della buona cucina con tanti ospiti tra cui Vasco Errani (venerdì ore 21) e Pier Luigi Bersani (sabato ore 21). La festa si concluderà con il tradizionale Pranzo della domenica (menu fisso a 20 euro, prenotazioni: 335 343555 – 338 2992765)

“Il nostro intento – spiegano gli organizzatori – è di dare un contributo culturale e politico alla costruzione di una sinistra plurale e capace di guardare al futuro. In un’ottica di confronto e dialettica che è parte imprescindibile del nostro modo di intendere e vivere la politica. Senza rinunciare a nessuno, in un’ottica di confronto e dialettica che è parte imprescindibile del nostro modo di intendere e vivere la politica”.

Si parte domani, venerdì 20 alle 18.30 con il dibattito sui nuovi modelli possibili di economia e welfare tra l’economista e già viceministro del Welfare Maria Cecilia Guerra, il deputato di LeU e Sinistra Italiana Stefano Fassina e la consigliera regionale di Articolo Uno Mdp Silvia Prodi. Un confronto tra diverse sensibilità per capire insieme quale può essere la risposta della sinistra a chi, proponendo ricette conservatrici come la flat-tax o il condono fiscale, sta cercando il consenso dei cittadini schiacciati dalla crisi.

Alle 21 è in programma un confronto sul mondo del lavoro tra la politica e le parti sociali con l’ex presidente della Regione e ora senatore di Leu e Mdp Vasco Errani, l’imprenditore e presidente di Unindustria Reggio Emilia Fabio Storchi e il segretario regionale della Cgil Luigi Giove. Tre punti di vista diversi per capire cosa si sta muovendo nel mondo del lavoro, anche rispetto alla sfida dell’innovazione dei processi industriali e delineare quali possano essere gli strumenti più adatti per garantire sviluppo sostenibile e progresso nei diritti per i lavoratori.