Quantcast

Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Ilva, bozza accordo: “10.300 assunti entro 2021”

Di Maio ottimista su tavolo al Mise, "può dare buoni risultati"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Per l’Ilva “verrà formulata una proposta di assunzione a tempo indeterminato a 10.300 lavoratori”. Così si legge nella bozza di verbale di accordo sul tavolo al Mise, dove è in corso la trattativa in ristretta, in cui si specifica che le assunzioni saranno ripartite in 10.100 entro il 31 dicembre 2018 e 200 entro il 31 dicembre 2021.

Impegno di Am InvestCo a formulare “una proposta di assunzione” ai lavoratori Ilva in esubero rimasti “non prima del 23 agosto 2023” , che non abbiano già “beneficiato di altre misure o opportunità”, come l’incentivo all’esodo, e non abbiano “già ricevuto una proposta di assunzione presso un’affiliata”, è un altro passaggio della bozza di accordo sul tavolo al Mise.

Per l’Ilva – ha detto in mattinata il ministro Luigi Di Maio a Radio Radicale – “queste sono ore delicatissime”. Di Maio ha parlato di “un tavolo che può dare buono risultati. Io credo che ci siano i presupposti”.

Di Maio ha ribadito che la gara presenta profili di illegittimità ma che può essere annullata solo se viene a mancare l’interesse pubblico, “una supercazzola”: così “se il tavolo raggiunge risultati su ambiente e lavoro, la gara non può essere revocata per legge”. Sul futuro del siderurgico è intervenuto da Bologna anche il leader degli industriali, Vincenzo Boccia, auspicando “che nel pomeriggio si trovi una soluzione alla questione Ilva: sarebbe un bellissimo segnale”.

Più informazioni su