Finite le rotatorie del polo di via Makallè

Arriva un percorso pedonale più sicuro per gli studenti

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Sono state inaugurate in questi giorni a Reggio Emilia le due nuove rotatorie di via Makalle’ che, oltre a fluidificare la mobilita’ tra centro storico e la zona a nord della citta’, migliorano i percorsi a servizio del polo scolastico della zona, il piu’ popoloso della citta’.

“I primi risultati della ‘piccola rivoluzione’ nella viabilita’ in uscita da porta Santa Croce – dicono il sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi, e l’assessore a Infrastrutture del territorio e Beni comuni, Mirko Tutino – ci dicono che l’intervento ha gia’ notevolmente migliorato la viabilita’ del quartiere, segnando un ulteriore passo in avanti nella riqualificazione di tutta la zona, strategica per la citta’, in cui l’asse stradale di via Makalle’ e’ inserito”. Nelle prossime settimane, annunciano poi sindaco e assessore, partiranno una serie di lavori “che non avranno ripercussione sulla sede stradale ma porteranno importanti miglioramenti alla viabilita’ ciclopedonale e all’illuminazione pubblica”.

Entro il 30 settembre infatti saranno pronti anche due ulteriori interventi a servizio del polo scolastico di via Makalle’ per una maggiore sicurezza agli oltre 1.000 studenti che ogni mattina si spostano dal centro verso la scuola. Il primo e’ la realizzazione di un nuovo percorso pedonale rialzato e piu’ sicuro che, senza l’attuale dislivello, rendera’ piu’ agevole il passaggio dalla circonvallazione al polo scolastico. Il percorso sara’ reso piu’ fruibile anche nelle ore serali grazie all’apposizione di 9 nuovi pali dell’illuminazione pubblica, che miglioreranno la visibilita’ sul tratto di strada.

Sono gia’ in corso d’opera infine i lavori per il secondo intervento, che vedra’ la realizzazione di una corsia preferenziale nel tratto compreso tra la fermata del trasporto pubblico di viale Piave e via Makalle’. Questo collegamento completera’ il percorso riservato agli autobus proveniente dalla stazione ferroviaria centrale e consentira’ un piu’ rapido scorrimento del trasporto pubblico.

Più informazioni su